Children and family 2017

Sabato 28 e domenica 29 ottobre 2017, Essere mamme a Vicenza partecipa alla quarta edizione di Children and family, la fiera interamente dedicata al mondo dei bambini e della famiglia.

Il padiglione di ingresso sarà riservato ad aziende e ditte di produzione di beni e servizi per la gravidanza, l’infanzia e la crescita; il secondo padiglione sarà interamente dedicato alla didattica: scuole ed asili, associazioni ed onlus, ludoteche, centri gioco, attività ricreative e manuali, scuole di lingua e musica. Nel terzo padiglione via libera al divertimento con giochi, gonfiabili, centri ed associazioni sportive e ricreative. La presenza delle fattorie didattiche e dell’area animale amico completerà il progetto Children and Family con una zona ad essi interamete dedicata.

Essere mamme a Vicenza si impegna da quattro anni ad accogliere le mamme e i bambini!

Venite a trovarci al padiglione di ingresso (1) agli stand 116-117!

Come lo scorso anno POTRETE ADERIRE AL PROGETTO CARD con SCADENZA DICEMBRE 2018, approfittatene!!!

Con noi Sabato 28 Lorena Farinella e i suoi bellissimi disegni per il truccabimbi! 

 

 


Sabato 28 alle ore 15:30 sarà nostra ospite la BLUD (Banca del Latte Umano Donato) con i biberon alla lavanda (e altre dolcissime sorprese!!!) per proseguire la raccolta fondi a favore della TERAPIA INTENSIVA NEONATALE (TIN) dell’Ospedale San Bortolo di Vicenza!


In entrambe le giornate di manifestazione, avrete la possibilità di chiedere ai realizzatori tutto ciò che vi incuriosisce a proposito di EHIMAMI, il nuovissimo mercatino dell’usato on line per mamme e bambini nato in collaborazione con Essere mamme a Vicenza!

Breve introduzione con spiegazione pratica alle ore 14:30 di entrambe le giornate di manifestazione.


Domenica 29 alle 10:30 avremo un ospite eccezionale: Michele Servalli, il fondatore di Remmy  il primo dispositivo che segnala la presenza del bambino in auto!

Michele presenterà le “Pillole di Sicurezza in Auto”, dove potrete fare anche il quiz sulla sicurezza, per scoprire quanto viaggiano sicuri i vostri bimbi in auto!che ci parlerà della sicurezza in auto! Michele Servalli, niente popò di meno che il realizzatore ,


Domenica 29 dalle 15:00 alle 18:30 vi chiederemo di votare la migliore ricetta in gara al concorso #mammachebiscotti! Per seguire il contest e vedere le ricette delle mamme partecipanti tra cui selezioneremo le 5 finaliste che verranno con noi in fiera, cliccate #MAMMACHEBISCOTTI


SCRIVI, IMBUCA E VINCI!!! #TuttoLAmoreDiUnaMamma

Partecipate a questo imperdibile contest, in palio uno stupendo bracciale Rebecca.

Cosa devi fare?

SCRIVI: devi arrivare al nostro stand (Pad 1 stand n 116/117) con un tuo scritto (frase, poesia, aforisma, brevissimo racconto) che racconti cosa significhi per te l’amore di una mamma, cosa sia per te l’amore per i tuoi bimbi.
NB: Mi raccomando di indicare anche il tuo nome e un indirizzo mail dove raggiungerti.

IMBUCA: al nostro stand troverete una cassetta dove imbucare il vostro scritto.

VINCI: il componimento giudicato più emozionante dalla giuria formata dal direttivo dell’associazione e da 3 giudici esterni sarà premiato con un bellissimo bracciale “AMORE” di Rebecca (prezzo di cartellino €296,00)


Particolare l’attenzione dedicata alle mamme che allattano e con bambini in “età da pannolino”!
Troverete una nuovissima e super attrezzata sala nursery riscaldata e ben illuminata con area giochi e salottino per allattare!La troverete all’entrata della fiera, vi basterà seguire la corsia GIALLA!
Grazie alla collaborazione di Farmacia Campedello, le mamme che allattano avranno a disposizione una consulente professionale in allattamento materno a cui rivolgere domande e chiedere consigli sull’allattamento!

I bambini da 0 a 14 anni entrano gratuitamente, le mamme in gravidanza possono usufruire dello speciale prezzo super riduzione (6€)!!!. Potrete inoltre trovate i biglietti riduzione (8€ anzichè 12€) in moltissimi locali e negozi della nostra provincia oppure richiedere la riduzione on line QUI

Orari di apertura al pubblico: Sabato 28 Ottobre: dalle ore 9:00 alle ore 20:00 – Domenica 29 Ottobre: dalle ore 9:00 alle ore 19:00

Mammachebiscotti: le ricette in gara

Foto e ricette partecipanti al contest mammachebiscotti(#mammachebiscotti)

Concorso promosso da Essere mamme a Vicenza in collaborazione con Marcato Spa e Molino Rossetto

Domenica 29 ottobre partecipa alla fiera Children and Family, manifestazine annuale dedicata alle famiglie e ai bambini e vieni a trovarci nello stand di Essere mamme a Vicenza (Pad. 1 stand 116 -117)!

 

Potrai vedere e valutare i biscotti in gara aiutando la giuria a eleggere la mamma vincitrice del concorso #mammachebiscotti!

L’impasto è pronto, il forno acceso e il “Biscuits” è all’opera…

che vinca la migliore!!!

Le partecipanti iscritte potranno pubblicare le loro foto e le loro ricette in un unico post entro e non oltre le ore 20.00 di domenica 22 ottobre 2017 sui gruppi Facebook “Essere mamme a Vicenza” o “Le ricette di EmaVi” richiamando il tag #mammachebiscotti.

Tutto il regolamento QUI


Chiara Vezzaro

Ciao mamme !
Vi presento i miei biscotti:
Mamma e bebè
Dedicata alla mamma al suo bambino!!
Il mio aiutante in cucina ..mio figlio di 7 anni mi dice…mamma facciamo i biscotti con la nostra sparabiscotti ? E così ci siamo messi all’opera e ci siamo anche divertiti! …poi al risveglio del fratellino…guardando il piatto di biscottini si é riconosciuto

BISCOTTI AL COCCO E AL CACAO

Ingredienti :

100 gr farina di riso Molino Rossetto
100 gr farina 0 Molino Rossetto
120 gr zucchero semolato
1 bustina di vanillina
60gr di olio di semi
2 uova
Gocce di limone
-60gr farina di cocco ( per i biscotti al cocco)
-10 gr cacao in polvere-50 gr farina di riso
( per i biscotti al cacao)

Decorazioni :
Smarties
Zuccherini colorati
Marmellata rossa

Preparazione:

Accendere il forno a 180* statico
Inserire nel robot/ciotola zucchero,farina,vanillina e mescolare poi aggiungere uova, olio ,gocce di limone ed amalgamare il tutto, dopodiché divedere a metà l’impasto,
Su una metà aggiungere la farina di cocco.
All’altra metà invece il cacao e un po’ di farina di riso fino alla consistenza desiderata.
Inserire l’impasto al cocco all’interno della nostra Biscuit #machine Marcato#
Scegliere i dischetti con la forma desiderata dopodiché appoggiare la Biscuits direttamente sulla teglia del forno asciutta…create facilmente i biscotti poi passare all’impasto al cacao, cambiando i dischetti a piacimento in qualsiasi momento.
Infornate e in 15 minuti di cottura circa avrete i vostri biscotti pronti per una merenda dolce ma leggera perché senza burro!!!
Una volta raffreddati decorate a piacere.
Buona merenda in allegria !!!
#mammachebiscotto#Marcato#Biscuits#Molinorossetto#childrenandfamily#esseremammeavicenza


Jeka Benedetti

Ecco a voi i miei biscotti #BimBau!! Sono biscottini salati gluten free, pensati per i nostri “cuccioli” di casa. Si! Proprio tutti i cucciolotti, dai bimbi ai pelosetti.. #mammachebiscotti #Marcato #Biscuits #Molinorossetto #childrenandfamily

P.s Christian il mio bimbo di 7 mesi e Yoghi il mio pelosone di 8 mesi hanno gradito e hanno fatto merenda insieme come 2 fratellini!!!

RICETTA:
1carota circa 60gr
1/4 zucca circa 100gr
2cucchiai di olio
2cucchiai di parmigiano grattugiato
1uovo
100gr Farina di riso (gluten free)
rosmarino essiccato
1/2 bustina Zafferano

PROCEDIMENTO
Pelate e tagliate carota e zucca, cucinatele a vapore o lesse ed infine frullatele per ottenete una purea densa. Mettete la purea e tutti gli ingredienti in una terrina ( tranne la farina e l’uovo) e mescolate fino ad ottenere un composto omogeneo.
Fate raffreddare , aggiungete l’uovo mescolando e per ultima la farina, amalgamandone 1 cucchiaio per volta (per vedere se ne serve di più o di meno, a seconda di quanto densa era la purea).
Create un cilindretto di impasto e mettetelo nella #biscuits. Dopo aver “sparato” i biscotti sulla teglia da forno infornate a forno statico già caldo per 20min a 180°


Lucia Ialota

Ciao mamme, ecco qui i biscotti che ho preparato con il Biscuits!
La ricetta è semplice e i biscotti sono buoni da gustare sia da soli, sia inzuppati nel latte, e sono ideali per grandi e piccini!

BISCOTTI AL CIOCCOLATO

Ingredienti (con queste dosi ho fatto 38 biscotti, taglia 2 del Biscuits):

Per l’impasto:
120 gr di burro
60 gr di zucchero
1 uovo
40 gr di cacao amaro
270 gr di farina 00

Per guarnire:
100 gr di cioccolato fondente
25 gr di burro
zuccherini colorati a piacere

Procedimento:
Lavorare il burro con lo zucchero, unire l’uovo, lavorare ancora, poi aggiungere il cacao amaro, diluito in quattro cucchiai di acqua calda. Infine, incorporare la farina setacciata. Impastare bene con le mani, fino ad ottenere un impasto morbido e omogeneo. A questo punto prendere un pezzo di impasto e modellarlo a misura di Biscuits. Scegliere una placchetta tra quelle della confezione (io ho scelto le 3 che vedete in foto) e fare i biscotti direttamente sulla teglia che poi andrà in forno (io ho usato la leccarda).
Mettere in forno ventilato, precedentemente riscaldato a 180°C, per circa 15 minuti.

Nel frattempo, in un pentolino, sciogliere il cioccolato fondente con 25 gr di burro, mescolando.
Togliere i biscotti dal forno e staccarli dalla leccarda, in modo da farli asciugare più velocemente. Con un pennello da cucina, cospargere metà biscotto con il cioccolato fuso e versarci sopra gli zuccherini colorati.
Quando si saranno asciugati bene, potrete mangiarli!
#mammachebiscotti #Marcato #Biscuits #Molinorossetto #childrenandfamily


Deborah Mattaliano

Ciao mamme ecco a voi i miei biscotti di frolla all arancia Emotions….realizzati con l aiuto del mio seienne Christian
#dilloconunbiscotto
ho realizzato questi biscotti trattando il tema dei #social e #comunicazione molto usato ormai tra noi adulti e ragazzi per scambiarci stati d animo e altro!!!

#mammachebiscotti #Marcato #Biscuits #Molinorossetto

Ricetta
Pasta frolla all’ arancia..
Iniziate con mischiare tra di essi 500gr di farina 00 e 200gr di zucchero a velo! mettete della scorza di arancia grattugiata e una fialetta di aroma all arancia…Aggiungete 250gr di burro ammorbidito un uovo e un tuorlo nel centro del composto!
Lavorate il tutto fino ad ottenere un impasto omogeneo e liscio! Riposare in frigo per 30min

Fate dei cilindri di frolla e metteteli dentro la vostra spara biscotti ….scegliete il vostro stampino e viaaaaa……Create Create!
Infornare a 180° forno ventilato per 15-20min

Decorazione con pasta di zucchero e colori alimentari

Lavorate 30ml di acqua fredda con circa 3fogli di colla di pesce, ammorbiditela e aggiungete 15gr di burro fuso e miele mescolando bene il tutto! Trasferitevi su una ciotola capiente e aggiungete 500gr di zucchero a velo fino ad ottenere la vostra pasta liscia e ben omogenea!
Dividetela in vari pezzi per colorarla e lavoratela co un po di zucchero a velo realizzando le forme che piu vi piacciono!!


Ivana Peritore

#MAMMACHEBISCOTTI
Avete presente quei biscottini che faceva la nonna, e duravano forse 5 minuti prima di essere completamente divorati?
La mia è una rivisitazione attuale, un biscotto che ti ricorda il passato, e ti fa sognare il futuro!
Ecco a voi, i miei Flowerbutters !

Ingredienti

350 gr di farina di riso
100gr di zucchero di canna
4 cucchiai di sciroppo d’acero
100 gr di burro di arachidi
100gr di burro nostrano
2 tuorli d’uovo
1 presa di sale
1 bustina lievito
3 cucchiai di latte
Nutella qb

Preparazione

Mescolate il tutto fino ad avere una frolla dalla consistenza morbida ma compatta
Inserire nella nostra #marcato#biscuitsmachine ed usando la forma di fiorellino creare il biscotto, infornare a 150 gradi fino a doratura, far raffreddare e inserire al centro del biscotto un poco di nutella.
Il gusto lievemente salato e arachidoso si sposa a meraviglia con la dolcissima corposità della più amata crema spalmabile !
Buon appetito!
#marcato #sparabiscotti#biscuits #biscuitsmachine
#mammachebiscotti #molinorossetto#childrenandfamily

Buon appetito!


Sidorela Shaqiri

Sfida accettata! Breve la storia dei miei biscotti con gli sparabiscotti …. ammetto che non è stato poi cosi facile ma tutto si puo fare: volere è potere e tanta pazienza #mammechebiscotti#marcato#biscuitsmachine#sparabiscotti#molinorossetto#childrenandfamily

Ricetta x 30-40 biscotti :

200 gr di burro morbido
90 gr di zucchero a velo
1 uovo ( temperatura ambiente)
300 gr di farina
un pizzico di sale
aromi a piacere

Procedimento:

Nel boccale della planetaria inserire tutti gli ingredienti, inserire il gancio a frusta e azionare.
Dovrete ottenere un pasta frolla omogenea e più morbida di quella classica, prendere lo sparabiscotti, inserire il disco che più vi piace, inserire dentro anche la frolla montata e in una teglia da forno (senza la carta forno, mi raccomando!) continuare a sparare e cosi via. Lasciare riposare la teglia in frigorifero per un’ora per poi cuocere i biscotti con forno statico preriscaldato a 160-170° per 15-20 minuti.


Nicoletta Pellizzari

Ciao mamme!

Dopo un paio di prove non riuscite ecco i miei biscotti alla mela e cannella.

Ricetta:

250 gr di farina,150 gr di burro morbido,80 gr di zucchero a velo, un pizzico di sale , un uovo, una bustina di vanillina o i semi di un baccello.
Questi sono gli ingredienti base poi si va di gusto e fantasia e si può aggiungere quello che più piace. Per questi biscotti ho aggiunto un cucchiaino di cannella e poi decorato con pezzetti di mela.

Procedimento:

Nella planetaria ho messo il burro morbido e con la frusta ho lavorato un po’. Ho aggiunto poi lo zucchero a velo e fatto amalgamare il tutto. Ho versato la vanillina, il sale,l’uovo , la cannella e ho mescolato bene. Infine alla minima velocità ho aggiunto pian piano la farina. Una volta amalgamato bene,la frolla risulterà morbida ma non appiccicosa. Con l’aiuto di una spatola ho messo l’impasto nella sparabiscotti e dopo aver scelto la trafila, sparato biscotti in una teglia non unta e non rivestita di carta forno, ho messo un pezzettino di mela al centro e infornato a 170 gradi in modalità ventilata per 10 minuti. Per il forno statico 175/180 gradi per 15 minuti circa.
Con la stessa ricetta ho fatto biscotti alla curcuma e al cacao.
#mammachebiscotti#marcato#biscuitsmachine#sparabiscotti#molinorossetto#emavi#childrenandfamily


Silvia Tieghi

Oggi mi sono ricordata quanto e’ bello mettersi in gioco, cucinare con i nostri ragazzi anche semplici biscotti di frolla al burro e cacao e far foto con il compagno della mia mamma !
#mammachebiscotti#marcato#biscuits#molinorossetto

Ricetta:

500gr di farina
200 zucchero
250 burro
4 tuorli
Per quelli al cacao si aggiungono 2 cucchiai di cacao amaro in polvere.


Simonetta Vinti

#MAMMACHEBISCOTTI#
Carillon apine e dolci coccole.
Ecco le api che custodiscono i miei biscotti al miele da gustare in famiglia #Childrenandfamily tra coccole e carillon. Possono fare anche da spunto per spiegare ai bambini l’affascinante mondo delle api.

Ricetta biscotti al miele

Ingredienti:
150g burro
75g zucchero
1 uovo grande
230g farina #Molinorossetto
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
1 bustina di vanillina
2 cucchiai di miele di fiori d’arancio

Preparazione:

montare con le fruste il burro morbido (lasciarlo fuori dal frigo finché si ammorbidisca) e lo zucchero fino ad ottenere una massa spumosa.
Aggiungere l’uovo e farlo assorbire bene, mettere anche la vanillina, il sale e il miele. Versare la farina setacciata (potete usare anche quella integrale o di avena) con il lievito e mescolare bene fino ad amalgamare il tutto con una forchetta o con le mani.
La nostra pasta è pronta per la #sparabiscotti #Marcato #biscuits. Riempire bene la sparabiscotti premendo l’impasto in modo da non lasciare vuoti d’aria nel tubo. Scegliere la trafila da usare e tirare su il ferretto centrale, poi avvitare. Mettere in posizione verticale la sparabiscotti, attaccata alla teglia, un clic deciso e poi tirare su. Non usare assolutamente carta da forno. Durante l’utilizzo si possono cambiare le trafile facendo così biscotti di tutte le forme. Cuocere i biscotti in forno preriscaldato a 180° per 15/20 minuti circa, quando si vede che la base è dorata sono pronti. Staccarli dalla teglia con una paletta e fare raffreddare. Spolverare di zucchero a velo e/o decorare a piacere usando la propria creatività. Servite a chi amate!


Mercedes Fernandez

#mammechebiscotti
Ecco i miei biscotti da gustare in compagnia di #childreandfamily

Biscotti al caffè, arancia, rum e menta:

Ingredienti per l’impasto base:
1 tazza burro a temperatura ambiente
1/2 tazza di zucchero
2 1/4 tazza di farina #molinorossetto
1/4 cucchiaino di sale
1 uovo grande

Per le varizioni di gusto:

AL CAFFE’: 5 cucchiai di caffè espresso (nella foto quelle marroni centrali)

ALL’ARANCIA: 1/2 fialetta di aroma arancia (e se volete, come me nei biscotti della prima foto, usate colore alimentare arancione)

AL RUM: 1/2 fialetta di aroma al rum o 3 cucchiai di rum (io da buona Venezuelana ho usato il rum Anejo Pampero . Nella foto quelle a forma di cuore più chiare)

ALLA MENTA: 4 o 5 cucchiai di sciroppo di menta (nella foto quelle verde chiaro)

Preparazione:

1. riscaldare il forno a 180°
2. con lo sbattitore cremare burro e zucchero.
3. Aggiungere l’uovo e l’aroma scelto e continuate a mescolare con lo sbattitore.
4. aggiungere la farina e mescolate. (nel caso dei gusti al rum e al caffè, se vedete che l’impasto è troppo liquido aggiungete farina un cucchiaio alla volta fino alla consistenza desiderata. Se invece trovate gli altri gusti troppo secchi aggiungete un’altro uovo)
5. sparate i biscotti con la macchina sparabiscotti #biscuit #marcato su teglie per biscotti NON imburrate e fredde (io le metto in frigo mentre impasto così sono fredde al momento di preparare i biscotti)
*per il gusto caffé ho spalmato una riduzzione di caffè e zucchero sopra ogni biscotto
*per il gusto menta ho messo una goccia grande di sciroppo di menta su ogni biscotto (aggiungete decorazione di zucchero se volete)
6. infornare per 8 /9 minuti e farli raffreddare su una griglia

Buona merenda!!


Sabry Chimetto

….una meraviglia a due passi da casa….. le 52 gallerie del Pasubio!!!! L aria fresca, splendidi paesaggi, rocce,silenzio, pace…. ecco a voi i biscotti M. Pasubio! Gli alberi con frolla alla menta, fiori al cioccolato e normali ricoperti di budino alla menta o cioccolata!!! Il finale con nevicata di zucchero a velo! #mammachebiscotti #Marcato, #Biscuits #Molinorossetto #childrenandfamily #esseremammeavicenza

BISCOTTI M.PASUBIO

Ingredienti

500gr di farina 00
200gr zucchero
250gr burro
4 tuorli
1 pizzico di sale
Latte 75ml
Sciroppo di menta
Cacao amaro 40gr
Lievito

Procedimento

Mescolare farina,zucchero e un pizzico di sale;
Versare i tuorli nel mezzo e amalgamare
Aggiungere il burro fuso a bagnomaria e il latte
Dovete ottenere impasto morbido
Fare riposare 10 minuti in frigo
Suddividere in 3 parti l impasto
1- normale
2- aggiungi cacao 40gr e bustina lievito
3- aggiungi menta e farina finche l impasto risulta morbido e omogeneo
Utilizzare biscuits e formare biscotti sul piatto da forno
180gradi forno statico 15-20 minuti


Sonia Facciorusso

Ho finalmente trovato le dosi giuste x questo biscotto…. ideale per un aperitivo diverso dal solito
BISCOTTI SALATI CURRY E MANDORLE

Ingredienti

130g burro ammorbidito
50 g farina di mandorle
8g sale
1uovo
100g farina petra tipo5
40g mandorle non pelate leggermente tostate e tritate
1cucchiaino di curry

Procedimento

Montare il burro ammorbidito aggiungere tutti gli altri ingredienti e impastare finché risulta non appiccicoso ma non troppo duro.se servisse aggiungere farina.
Fare dei cilindri.mettere nella sparabiscotti e Buon divertimento. Decorare con frutta secca o pepe macinato o polvere di curry…o nulla …..
Alcune formine non vengono bene a causa delle mandorle..I pezzetti ostruiscono I fori.ma c’e’ tanta scelta
Cottura 180gradi forno statico 15minuti

La casa si inondera’ di un profumo inebriante
Buon aperitivo…..
#mammachebiscotti
#biscuits
#molinorossetto
#childrenandfamily
#esseremammeavicenza
#marcato


Sabrina Greselin

Ho pensato di fare dei biscotti che possano essere mangiati anche da chi non mangia proteine animali. L’idea però di sostituire il burro con la margarina non mi piaceva, volevo qualcosa di più sano per il mio bimbo. Non è stata un’impresa molto facile, ma dopo alcuni tentativi mi sembra che ci siamo.

BISCOTTI VEGANI AL COCCO E ARANCIA

Ingredienti per circa 30 biscotti grandi:

200gr farina 0
100gr zucchero
80gr olio di girasole
50gr farina di cocco
succo e buccia grattugiata di 1 arancia
mezzo cucchiaino di lievito
un pizzico di sale

Procedimento:

Impastare bene tutti gli ingredienti (io ho messo tutto nella planetaria), finché si arriva ad avere un impasto malleabile (aggiungere poca acqua se necessario). Inserire l’impasto nella sparabiscotti e “sparare” direttamente sulla teglia da forno. Cuocere a 170 gradi per circa 15 minuti.

E ora via di fantasia per le decorazioni.
Oltre alle “classiche” decorazioni ho poi pensato di dividere l’impasto in 3 parti e aggiungere i coloranti alimentari. Il mio bimbo si è divertito un sacco con tutti quei colori!!
Provare per credere

#sparabiscotti #marcato #buiscuits #molinorossetto #childrenandfamily


Luciana Simonato

Ecco il mio Albero dei Biscotti by #esseremammeavicenza #biscuits #marcato #molinorossetto #childrenandfamily #mammachebiscotti

Ingredienti :

230gr farina #molinorossetto
1uovo
80gr burro
80gr zucchero
un cucchiaino di lievito
un pizzichi sale
aroma limone o buccia grattugiata di limone
cacao o colorante alimentare a piacere

Procedimento :

Amalgamare burro e zucchero finché non diventa una crema, aggiungere uovo, farina, lievito, sale e cacao/coloranti.
Lasciare riposare 10minuti e poi formare i rotolini da mettere nella sparabiscotti #biscuits #marcato…
e ora via libera alla fantasia della mamma!!! #mammachebiscotti #esseremammeavicenza

In forno caldo a 180 gradi per 10 minuti… risultato…. Biscottini friabili al cacao e al limone… ottimi per colazione con il the o con in latte!!!


Sabrina Sabry Raffaello

Dopo un paio di weekend passati a fare (e mangiare) biscotti… vi presento i miei “Shabby Biscuits” unica ricetta in tre diversi formati:
i variegati in barattolo, da servire con un buon the
i lecca-lecca bi-color, dedicati ai più piccoli  (ma non solo )
i ripieni, per i più golosi

RICETTA

Ingredienti:

140g di burro ammorbidito
180g di zucchero
1 uovo
3 cucchiai di latte intero
buccia di mezza arancia
200g farina di riso
150g farina 00 per dolci Molino Rossetto
10g di lievito vanigliato
20g di fecola di patate (sostituire con 20g di cacao amaro per i biscotti neri)

procedimento:

Montare con la frusta il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema bianca e soffice, aggiungere l’uovo, il latte, l’arancia continuando ad amalgamare, mescolare tra loro le farine e il lievito e aggiungerle poco alla volta. L’impasto deve risultare tenero ma non appiccicoso.
Caricare la sparabiscotti di impasto e ‘sparare’ i biscotti direttamente sulla teglia senza ungerla e senza carta forno.
Infornare a 150/160° per 10/12 minuti.
Lasciare raffreddare e decorare a piacere.
Per i variegati ho formato un cilindro con metà impasto bianco e metà nero prima di inserirlo nella sparabiscotti.
Per i lecca-lecca ho usato cioccolato bianco fuso a bagnomaria, che solidificandosi ha reso l’effetto desiderato con l’aiuto di un bastoncino di legno.
Per i ripieni ho usato crema di nocciole e li ho uniti dopo averli decorati.
#mammachebiscotti #biscuits #marcato #molinorossetto #chevincalamigliore


Silvia Rigon

Sembrano deliziosi pasticcini alla marmellata, e così è, ma dai sapori decisamente sorprendenti e dalle consistenze intriganti! Si tratta infatti di biscotti salati alla curcuma con marmellata di cipolle e di peperoni, realizzati con la sparabiscotti #Biscuits #Marcato

Biscotti salati alla curcuma con semi di chia e sesamo

Ed ecco la ricetta:

Ingredienti

– burro morbido 125g
– farina tipo 00 200g
– 1 uovo intero + 1 tuorlo
– sale q.b.
– un cucchiaino di curcuma
– un cucchiaino di semi di sesamo
– un cucchiaino di semi di chia
– composta di cipolle rosse
– composta di peperoni rossi

Procedimento:

Lavorare il burro con lo sbattitore fino a che risulta gonfio. Aggiungere la curcuma in polvere e incorporarla con le fruste. Aggiungere il tuorlo e l’uovo intero a temperatura ambiente, sempre sbattendo. Incorporare la farina e il sale, mescolando con una spatola. Infine aggiungere i semi e amalgamare bene il tutto, fino ad ottenere un composto morbido ma uniforme e non troppo appiccicoso.
A questo punto riempire la sparabiscotti e premere l’impasto direttamente sulla teglia da forno. Decorare con le composte di cipolla e di peperoni (si trovano fatte oppure si preparano facilmente in casa). Infornare in forno statico a 180° per 10 minuti, poi ventilato a 170° per 5 minuti.
#mammachebiscotti #Marcato, #Biscuits #Molinorossetto #childrenandfamily


Ada Di Gennaro

Dopo numerose prove finalmente ho trovato la MIA ricetta per i biscottini da the con la sparabiscotti! Sono friabili e dolci al punto giusto, che potrai gustare al pomeriggio o mattina davanti ad un buon the caldo o un caffè bollente.

Ingredienti per circa 30 biscotti:

200 g di burro morbido
80 g di zucchero a velo
1 bustina di vanillina
1 grattugiata della scorza di un limone
1 uovo
300 grammi di farina 00 per dolci
1 cucchiaio di punch al rum

Procedimento:

Preparare il burro a tocchetti e lasciarlo intiepidire. Se avete poco tempo potete metterlo nel microonde per pochi secondi per farlo ammorbidire. Impastare prima lo zucchero con il burro. Poi aggiungere gli altri ingredienti (io ho messo tutto nella planetaria). Dovrà risultare un impasto morbido e appiccicoso. Inserire l’impasto nella sparabiscotti e “sparare” sulla teglia senza carta forno. Si possono fare biscotti grandi o piccolini a vostro piacere. Cuocere poi in forno caldo a 180 gradi per 9/10 minuti, facendo attenzione che rimangano bianchi e dorati solo nel bordo esterno.
Lasciar raffreddare prima di togliere dalla teglia.
E buon assaggio!!!

Per le decorazioni appena sfornati usare granella di zucchero, cioccolato fondente sciolto a bagnomaria, granella di nocciole e marmellata (che ho messo prima di infornare).

#mammachebiscotti #marcato #biscuits #molinorossetto
#childrenandfamily


Carla Favero

Biscotti classici per il mio “amore piccolo” e gluten free per il mio “amore grande” (intesa ovviamente come età anagrafica) La ricetta è la stessa, cambia solo l’utilizzo delle farine.

Ingredienti:

170 gr burro biologico, 70 gr zucchero semolato, 20 gr zucchero di canna biologico, 1 uovo intero, 1 cucchiaino di estratto di vaniglia, 270 gr farina 00 biologica ( nella versione gluten free 220 gr mix farina senza glutine e 50 gr amido di mais).

Procedimento:

Con il robot da cucina amalgamate lo zucchero con il burro e poi aggiungete l’uovo intero e la vaniglia, per ultima la farina. Dovrà venire una palla che andrà messa in frigorifero per circa 20 minuti.
Inserire l’impasto freddo nella Biscuit, scegliere la forma e “sparare” il biscotto nella teglia da forno senza carta e senza imburrarla. Decorare e Cuocere a 180 C per 12 minuti. 

#mammachebiscotti #biscuits #marcato #molinorossetto #childrenandfamily


Paola Sartori

#mammachebiscotti #Marcato #Biscuits #Molinorossetto

C’era una volta una zucca, che non voleva saperne di diventare carrozza.. troppo fuori moda, nessuno la usa, diceva la zucca alla Fatina Distrattina. “Che ti faccio diventare allora cara Zucca” , disse la Fatina alla zucca ribelle. La Zucca ci pensò e poi disse: ” Voglio diventare una merenda per tutti i bambini. Anche per le mamme i papà e i nonni , insomma per tutti anche per chi non “ama” il glutine. ” Ah però ! ” disse la fatina.. ” sei proprio una zucchetta esigente”, ” certo rispose la zucca, non sono mica una zucca qualsiasi .. io mi chiamo Bertagnina e vengo dalla Lomellina.. ho riempito la pancia a Principi e principesse a Signori e Signoresse … sono un’Eccellenza pure io ! “. La Fatina, rimase stupita dalle parole della zucca, ma non riuscì a rispondere perchè la zucca Bertagnina aveva tutte le sue ragioni… quindi accarezzando la bacchetta magica ci pensò un po’ e poi ..bidibidobidibù… e la zucca diventò tanti biscotti … come? Ora Ve lo spiego:

INGREDIENTI

250 gr di farina di Amaranto
100 gr di zucchero di canna chiaro
100 gr di zucca
80 gr di burro temperatura ambiente
2 tuorli
1 pizzico di sale
2 cucchiai di latte ( regolatevi solo alla fine)
un’idea di noce moscata

PREPARAZIONE.

Cuocere la zucca ala forno o al vapore, metterla nel mixer e crearne una purea.
Aggiungere la farina, lo zucchero, il burro a pezzetti e lavorare l’impasto. Aggiungere le 2 uova, il pizzico di sale e la spruzzata di noce moscata. Alla fine di tutto il latte un pò per volta regolandovi, per ottenere un imposto lavorabile ma morbido. Farlo raffreddare per circa 15 minuti. Nel frattempo riscaldare il forno a 180° . Preparare la fantastica spara biscotti Marcato, inserire un pò di pasta formando dei cilindretti, scegliere la ghiera che più vi ispira e formate i biscotti direttamente sopra la pirofila ben pulita. E’ importante non usare la carta da forno perchè altrimenti il biscotto non si staccherebbe dalla spara biscotti. 15 minuti di cottura ed il gioco è fatto … lo possono fare anche i bambini 


Luisa Facco

Stuzzichini al parmigiano
Ricetta semplicissima, ma di sicuro effetto, per un biscottino adatto ad accompagnare diverse salse e salumi! Inoltre la versatilità dell’impasto consente di abbinarlo a diverse spezie per creare ogni volta un gusto nuovo!

Ingredienti:

125gr di farina
100gr di parmigiano
80gr di burro ammorbidito
2 pizzichi di sale
1 macinata di pepe
Spezie a piacere (io in metà impasto ho aggiunto un cucchiaino di paprika dolce e 1 di paprika forte)

Procedimento:

Impastare la farina con il burro ammorbidito e il sale, poi amalgama con il parmigiano, la macinata di pepe ed eventualmente qualche spezia. L’impasto risulterà un pochino sbricioloso, ma una volta inserito nel #biscuit ne risulterà un biscotto dalla forma perfetta!
Ho sformato biscottini con metà dell’impasto base e decorati con semi di papavero e semi di sesamo. All’altra metà ho aggiunto la paprika dolce e forte, i biscotti acquistano un bel colore aranciato è un gusto esplosivo!
Cuociono in forno 10-12 minuti a 180 gradi.
Alcuni senza spezie aggiunte, li ho decorati con una goccia di ketchup, che li rende dei fiorellini speciali per i bambini!
#mammachebiscotti
#molinorossetto
#marcatobiscuits


Sms Aurelia

Ed eccomi qui agli sgoccioli.
#mammachebiscotti #Marcato, #Biscuits #Molinorossetto #childrenandfamily
Questi sono i miei biscotti con il “Biscuits” della Marcato.

Ingredienti:

Biscotti grano saraceno, cannella, zenzero.
un pezzetto di zenzero
200 gr zucchero
150 gr burro
150 ml latte
2 uova
250 gr grano saraceno
350 gr farina 00
un cucchiaino raso bicarbonato

Procedimento:

Io ho tritato il grano saraceno per ottenere la farina. In vendita si trovano facilmente le farine già pronte.
Con il mixer ad immersione si frulla lo zucchero e lo zenzero tagliato a fette, fino ad ottenere una crema allo zenzero. Aggiungere il burro ed amalgamare per 1 minuto circa. Aggiungere latte e uova – frullare per un altro minuto. Infine aggiungere la farina, il bicarbonato e impastare a mano o con l’aiuto del’impastatrice. La quantità della farina la regolo in base alla consistenza dell’impasto. Dovrebbe risultare come la pasta frolla ( solido, facilmente staccabile e non troppo duro)

Seconda ricetta

#biscuitsmarcato grano saraceno, zenzero, Philadelphia e cannella
L’ho modificata in questo modo:
al posto del latte ho messo 150 gr di Philadelphia
ed aggiunto un cucchiaino raso di cannella.
La farina l’ho aggiunta poco alla volta.

P.S. Ho notato una cosa: il primo impasto l’ho utilizzato subito e si sentivano i granelli del grano in bocca. (che si sentono anche con quelli comprati)
Invece il secondo l’ho utilizzato dopo un giorno in frigo, poi tirato fuori e lasciato riscaldare per un oretta.


Elisa Cortese

#MAMMACHEBISCOTTI

Le giornate si fanno piu’ corte, le temperature un po’ piu’ fresche e nella fantasia di un bambino, comincia a farsi spazio la Magia del Natale. Ecco che allora la domanda inizia a prendere voce e farsi sempre piu’ frequente…..”Mamy….ma fra quanti giorni sara’ Natale?”.

Lavoro a 4 mani ….. con il mio “pasticcione – pasticcere”, tra impasti e glasse ecco le nostre creazioni …..”Aspettando Babbo Natale”.

#BISCUIT con nocciole tostate, cioccolato fondente ed essenza di arancio

INGREDIENTI

150 g burro morbido
90 g zucchero di canna
1 uovo intero grande
155 g farina di Kamut #MolinoRossetto
70 g nocciole tostate tritate a polvere
20 g scaglie cioccolato fondente
1/2 cucchiaino di lievito per dolci
sale un pizzico
essenza di arancio (a piacere)

LAVORAZIONE

Con l’aiuto di una planetaria lavorare zucchero e burro. Unire l’uovo, il sale, l’essenza di arancio ed il lievito.
A parte, ridurre a polvere nocciole e cioccolato fondente, con l’aiuto di un mixer. Aggiungere la polvere all’impasto. Infine incorporare la farina setacciata. Si otterra’ un impasto morbido e liscio. Far riposare in frigo per 20 minuti. Una volta raffreddato l’mpasto, infilare dei cilindri di frolla all’interno della sparabiscotti, applicare la ghiera desiderata ….. e VIAAAAA….. il gioco può avere inizio!

Per la glassa e le decorazioni ….. fantasia e gusti del “pasticcere – pasticcione”.

#Mammachebiscotti
#marcato
#biscuitmachine
#Molinorossetto
#sparabiscotti
#childrenandfamily

GRAZIE di cuore !!!!!
Qui ci siamo divertiti tanto….abbiamo “lavorato” per due fine settimana interi . Ci auguriamo che la Magia del Natale ….. sia già un po’ arrivata anche a voi…..!!!!


Chiara Artuso

Io ed il Biscuits ci siamo incontrati in un pomeriggio a Vicenza durante un temporale improvviso. Dopo alcuni giorni di sguardi, titubanze nell’approccio mescolati ad un pizzico di timidezza abbiamo deciso di incontrarci. E lui, da bravo Veneto mi fa… Ti va uno spritz?! E così ebbe inizio una grande amicizia. Perché non conta quanto, dove e come passi il tempo… Ma CON CHI.

Vi propongo due ricette per biscotti dell’ happy hour… Bon Appétit e CinCin

BISCOTTI ALLO SPRITZ

300 gr di farina integrale macinata a pietra Molino Rossetto
80 gr di burro
1 uovo intero bio
5 gr di sale fino
2 cucchiai di Prosecco
3 cucchiai di Aperol
15 olive verdi denocciolate tritate
7 olive Taggiasche denocciolate tritate

BISCOTTI AL TARTUFO E NOCCIOLE

300 gr di farina integrale macinata a pietra Molino Rossetto
80 gr di burro
1 uovo intero bio
5 gr di sale fino
30 gr di nocciole tostate delle Langhe tritate
60 gr di Ribiola al tartufo

Io per praticità ho fatto un impasto unico e poi suddiviso in due ed aggiunto gli ingredienti caratteristici alla fine.
Montate le uova con il sale e il burro a temperatura ambiente. Suddividete in due la crema ottenuta ed in una parte aggiungete le olive, il prosecco e l’Aperol; mentre nella parte restante aggiungete la robiola e le nocciole tritate.
In entrambe gli impasti incorporate la farina e mescolate finché non ottenete un risultato omogeneo e corposo. Se l’impasto risulta troppo elastico occorre aggiungere un po’ di farina.
Fate riposare le due paste avvolte nella pellicola in frigo per 30 minuti. Formate dei cilindri di pasta da inserire nel Biscuits Sbizzarritevi a sparare i biscotti direttamente nella teglia del forno e infornate per 14 minuti a 180°.

#mammachebiscotti #marcato #esseremammeavicenza #Biscuits #childrenandfamily #molinorossetto


Chiara Braggion

E così, dulcis (e non poco!!!!) in fundo, arrivo anch’io.

La ricetta è davvero semplice, quella della pasta frolla arriva dalla mia infanzia, e che sa sempre di famiglia.
Io l’ho soltanto rivisitata nel sapore e nel colore, per combinarla ad un gusto che amo da impazzire.

Bei momenti quelli della preparazione, il sole, gli uccellini che cantavano alla finestra, il marito e il figlio che partecipavano lieti.. no, scherzavo. La verità è che la mia cucina era un casino, io sembravo MRS Doubtifire e che l’idea era una cosa, ma il risultato un’ altra.

Percio, ecco a voi i miei WRONG VELVET.
(dove wrong sta per sbagliato perché il colore doveva essere rosso)

PASTA FROLLA

400g di farina biologica MOLINO ROSSETTO
200g di burro senza lattosio
4 tuorli d’uovo
150g di zucchero
1 pizzico di sale
colorante alimentare rosso (meglio se liquido)
q.b cacao amaro.

Amalgamare tutti gli ingredienti, nell’ordine di farina, burro ammorbidito, zucchero, tuorli e colorante alimentare rosso.
Lavorare ben bene incorporando il cacao.
Riempire la sparabiscotti precedentemente preparata e distribuire direttamente sulla teglia. Infornare a 180º per 20 minuti.

CREMA AL FORMAGGIO

400g di panna da montare
250g di formaggio spalmabile
250g di mascarpone
100g di zucchero al velo.

Montare la panna fino al raggiungimento della consistenza media. In un’altra ciotola mescolare il mascarpone, il formaggio e lo zucchero al velo. Unire i due composti e lasciar riposare in frigorifero per almeno un’ora.

Dopo circa due ore, tempo in cui i biscotti si sono raffreddati perfettamente e la crema è rappresa, comporre dei piccoli panini, chiudersi in cucina eeee.. gustare!

#mammachebiscotti


Nadia Amer

Eccomi finalmente… dopo cento mille mila esperimenti sono riuscita a creare finalmente questa ricetta…

Volevo una pasta frolla per chi come me preferisce gli ingredienti poco raffinati, per chi come me sta sempre a dieta (o almeno ci prova) ma soprattutto per chi come me ha un sacco di amici con tutte le intolleranze alimentari del mondo ed ogni volta non sa mai cosa preparargli!

Questa pasta frolla non contiene uova, latte e burro perciò è vegana ed adatta agli intolleranti al lattosio.

Vi chiederete come si può creare qualcosa di buono senza praticamente gli ingredienti più “saporiti” tipici di questa ricetta ma questa è stata la mia sfida e devo dire di averla superata alla grande, una pasta frolla come quella della nonna.. solo un po’ più sana!!!

Un tira l’altro!
Buon appetito

#mammachebiscotti
#Marcato
#Biscuits
#Molinorossetto
#emavi
#childrenandfamily

Ricetta:

100 g farina di farro
70 g zucchero di canna (50 g se utilizzate lo zucchero normale)
26 g acqua
14 g olio di semi o mais
14 g olio evo
2,5 g di lievito per dolci
1/2 boccetta di aroma vaniglia (facoltativo)
3 cucchiaini rasi di cacao amaro

Procedimento:

Mescolare le farine, zucchero, cacao e lievito.
Aggiungere l’aroma di vaniglia, l’acqua e per ultimi gli olii a filo.

(Aggiustate l’impasto di farina nel caso in cui sia troppo umido o di acqua nel caso invece sia troppo friabile.)

Far riposare l’impasto per almeno 2 ore in frigo coperto da una pellicola.

Lavorare l’impasto per ammorbidirlo leggermente.
Inserirlo nella spara biscotti con lo stampino a forma di cuore e creare i biscotti.

Infornare a 170 gradi per 15/16 minuti.

Spolverizzare di zucchero a velo (facoltativo).


Santa Creaco

#mammachebiscotti Premetto che a me cucinare piace.. preparare dolci ancora di più… ma questa volta, causa problema alla spalla, non ho potuto dare il massimo.. anzi, per fortuna che il mio super aiutante ha fatto il lavoro più pesante... tra tutti quelli fatti ho scelto i più belli..

Ricetta:

200g. Farina
130g. Burro
70g. Zucchero
1 tuorlo
1 bustina vanillina

Prendi zucchero e burro e li mescoli assieme finché si crea una cremina poi aggiungi il tuorlo la farina e la vanillina impasti finché diventa bello liscio l’impasto. (Sempre a causa del problema di cui sopra io mi sono fatta aiutare dal bimby per l’impasto)… A questo punto lo prendi e cominci a comporre i biscotti con lo sparabiscotti.
Forno preriscaldato a 180° x 10/12 min. poi li puoi decorare a piacimento.


Cetty Bellavia

Ecco Finalmente ce l’ho fatta anch’io!! la cucina sembra che sia passata una tempesta ma con i miei 4 piccoli aiutanti e riuscito tutto!!! Oggi è una giornata piovosa autunnale ma in cucina un’esplosione di colori di profumi e di deliziosi biscotti evviva …
#bisuitsmarcato##mammechebiscotti#molino#rosetto#esseremammeavicenza#childrenandfamily#

Ingredienti

200gr farina Molino Rossetto
Un uovo 125 grammi di burro 60 grammi di zucchero a velo estratto di vaniglia e aroma alla mandorla in forno a 180° per 10-15 minuti
Per guarnizione cioccolato fondente sciolto con granella di nocciole, cioccolato bianco e guarnizioni di zucchero



Con la ricetta di Cetty Bellavia il concorso è ufficialmente terminato!

Domani, lunedì 23 ottobre, annunceremo le 5 finaliste che parteciperanno domenica 29 ottobre dalle ore 15.00 alle ore 18.00 presso lo stand di Essere mamme a Vicenza (Pad.1 n.116-117) per fare assaggiare i propri biscotti (fino ad esaurimento scorte) e farli giudicare!

Un grazie speciale a tutte le partecipanti e ai partner di questo concorso: Marcato Spa e Molino Rossetto!

Metodo Suzuki. Suonare per crescere.

Ed ECCOCI!

L’anno scolastico sta di nuovo per terminare!!!!! … e devo ammettere che questa volta mi trova abbastanza emozionata.

Perchè? Perchè è stato il PRIMO della scuola materna dei miei bimbi grandi! E la prima volta, si sa, non si scorda mai, giusto? Un traguardo importante insomma! Tra qualche giorno ci sarà la festa di fine anno con tutti i compagni e le maestre e poi arriveranno le tanto sospirate vacanze al mare.

ESTATE. Finalmente! E poi? E poi si ricomincia.

Si ricomincia? E non è troppo presto per pensarci? Mancano mesi!!!!

Vero, ma qualcuno poco tempo fa mi ha fatto giustamente notare che da settembre potrei far fare qualcosa oltre la scuola ai miei bimbi. E un po’ alla volta, stirando, lavando, stendendo, correndo di qua e di là, qualche idea sulle varie opzioni da valutare, ha iniziato ad inoltrarsi nella mia testa.

Pensando pensando, mi è venuto in mente che proprio l’anno scorso, ho ricevuto un invito interessante da una mia amica musicista. Si trattava di partecipare ad un incontro informativo sul METODO SUZUKI rivolto ai genitori dei bambini dai 3 anni in su. I miei bambini, in quel momento, mi sembravano ancora un po’ troppo piccoli per aderire e ho rimandato di approfondire l’argomento. Ricordo però, che quando ho letto di cosa si trattava, immediatamente la mia memoria è tornata indietro di qualche anno. E ha ripescato alcune immagini di un sabato pomeriggio di lavoro al museo…..

Avevamo preparato la sala grande per accogliere un concerto, un’attività di routine per noi addetti ai lavori! Ma c’era qualcosa di diverso nell’aria: risate, merende, piccole voci, emozioni da prima volta, genitori ansiosi….. atmosfera giocosa, ma allo stesso tempo impegnata, seria, eccitante! Era un concerto SPECIALE con musicisti SPECIALI, ovvero i bambini del METODO SUZUKI, bambini che, con i loro minuscoli strumenti suonavano come i loro colleghi più anziani e si esibivano davanti al loro pubblico in estasi, nel loro saggio di fine anno. Al tempo, non ero ancora mamma, ma sono rimasta comunque colpita e commossa da queste piccole creature. Già custodivano il segreto della musica e si comportavano come se questa fosse una cosa assolutamente semplice e naturale.

Il METODO SUZUKI: di cosa si tratta?

Sono tornata a cercare la mia amica e le ho chiesto di aiutarmi a capire. Abbiamo parlato. Ho letto. Ho studiato. Ho trovato domande e risposte. E ho realizzato che il METODO SUZUKI non è soltanto una pratica scolastica, ma è una originale e sorprendente filosofia di vita, ideata agli inizi del ‘900 da un singolare musicista giapponese. Egli amava molto i bambini e aveva fiducia in loro e nelle loro capacità.

Ma chi era questo personaggio?

SHINIKI SUZUKI, questo il suo nome, nasce a Nagoya, una città della regione di Chubu nell’isola di Honshu in Giappone. Sono andata a sbirciare su internet. Ho trovato che questa sua città natia è un luogo dal passato importante. Infatti, fu centro politico, commerciale e culturale, capoluogo feudale e sede di importanti università. In questo incontrarsi di storia e civiltà, vive Shiniki, che proviene da una famiglia erede della cultura samurai, ed è figlio del fondatore della più importante fabbrica di violini del mondo. Cresce in un ambiente ricco di stimoli dunque, sia storici che culturali. Soprattutto cresce con l’abitudine al lavoro, al sacrificio e al senso di responsabilità e del dovere.

Nelle sue memorie, racconta che ancora bambino, nei periodo di vacanza dalla scuola, impara a lavorare a fianco agli operai del padre. Impara ad alzarsi presto e con i suoi fratelli, non approfitta della sua posizione privilegiata, ma si pone in un atteggiamento umile di continuo apprendimento dal prossimo. I suoi studi sono finalizzati a succedere al padre nella guida dell’azienda famigliare, ma la sua passione è la MUSICA, a cui si dedica dai 17 anni nel tempo libero. Quando rientra a casa dalle sue incombenze, adora dedicarsi ai BAMBINI del vicinato. E’ affascinato dalla loro GIOIA, dalla loro SERENITA‘, dalla loro SPENSIERATEZZA e GRATITUDINE nei confronti della vita.

Leggendo la storia di Shiniki, ho la conferma di come il DESTINO di una persona, non sia soltanto dipeso dal caso o dalla fortuna, ma sia plasmato dalle reazioni che ogni singolo individuo ha nei confronti delle occasioni. Shiniki stesso, dice, che la sua fortuna è stata quella di aver saputo sfruttare tutte le opportunità che gli si sono presentate davanti, senza timore, di aver saputo rischiare e di aver saputo credere nelle sue capacità e nei suoi desideri. Come quello di potersi dedicare alla musica e di scoprire cos’è l’arte. E quando un noto industriale, amico del padre, gli propone un viaggio in Europa per approfondire lo studio del violino, affronta il padre e senza indugi parte!

Qui vive a Vienna, a Berlino e viene a contatto con maestri e pensatori prestigiosi. La sua mente è sempre aperta e accoglie con gioia ogni singolo insegnamento. E’ davvero istruttivo leggere, di come fosse euforico di ogni nuova esperienza che poteva affrontare e di ogni nuova persona che incontrava. Nessun giudizio negativo, nessuna critica, nessun commento sarcastico nelle sue parole, solo ENTUSIAMO e ARDORE nel vivere ogni attimo che gli era concesso!

Tornato dall’Europa, Shiniki si dedica allo studio e all’insegnamento del VIOLINO e acquisisce una nuova maturità personale dovuta purtroppo al verificarsi della seconda guerra mondiale, che colpisce anche la sua città, la sua azienda, la sua famiglia. Che lo costringe a trasferirsi, a reinventarsi, a trovare soluzioni per sfamare la famiglia e gli operai. Nonostante tutte le difficoltà, non dimentica mai i suoi studenti, cui si dedica con amore incondizionato. Ed è in questi anni che elabora il suo metodo di insegnamento, un metodo dedicato ai bambini e cucito addosso alla loro esigenza di crescere e imparare.

Il METODO SUZUKI: In cosa consiste?

  • IMITAZIONE: Sostanzialmente Shiniki Suzuki sostiene che OGNI cosa può essere imparata da OGNI bambino. Ovvero, così come ogni bambino impara dalla madre e dalla famiglia a parlare, così può imparare anche la musica, può imparare a suonare. Quando un bambino nasce viene seguito dai genitori che ogni giorno lo stimolano perchè impari a comunicare con le parole. E questo avviene in ogni angolo del mondo, con ogni lingua del pianeta. E tutti i bambini IMITANDO le persone che lo circondano, apprendono e con pazienza ed esercizio arrivano a parlare. Quindi perchè ciò non può avvenire anche con uno strumento musicale? Shiniki crede in questa intuizione e basa tutto il suo metodo di insegnamento su di essa. Secondo lui, se un bambino viene seguito costantemente e quotidianamente nello studio, se viene accompagnato e stimolato nell’apprendere, se viene esercitato e pazientemente abituato, può raggiungere traguardi importanti in qualsiasi ambito. La cosa illuminante di questo metodo è che il punto focale non è diventare un musicista di successo, ma diventare una persona migliore, una persona umile, semplice, grata e nobile d’animo, qualità che solo lo studio in generale, e lo studio della musica in particolare, è in grado di regalare.
  • COLLETTIVITA’ E RIPETIZIONE: Suzuki, suggerisce di introdurre lo studio e la pratica di uno strumento come fosse un gioco, un GIOCO COLLETTIVO che poi avrà anche un profondo significato sociale. Le prime lezioni, infatti, sono di gruppo. Lo stesso esercizio viene ripetuto alternativamente da questo o quello studente e anche chi non è direttamente coinvolto continua comunque ad ascoltare. I GENITORI sono presenti a lezione così da essere partecipi e consapevoli del percorso che il figlio sta facendo e che loro dovranno continuare a stimolare a casa. A casa infatti, il bambino avrà il compito di riprodurre quanto fatto a scuola esercitandosi con COSTANZA e RIPETIZIONE fino a migliorarsi.
  • EDUCAZIONE AL TALENTO: In un momento come il nostro in cui siamo bombardati di programmi e progetti televisivi alla ricerca del talento e del successo rapido, il pensiero di Shiniki Suzuki è assolutamente contro corrente. Sostiene che non esistono bambini più dotati di altri, che non esiste il talento innato o ereditario. I bambini vengono al mondo come dei fogli bianchi su cui a scrivere sono la società che li circonda, l’ambiente che la famiglia costruisce per loro, il mondo in cui vengono fatti crescere. Per Shiniki ogni bambino ha le stesse POTENZIALITÀ di tutti gli altri, basta aiutarlo a rafforzarle e in questo i genitori hanno un ruolo cruciale. In che modo? Inizialmente ai bambini più piccoli non è permesso suonare subito uno strumento. Invece, si insegna alla MAMMA a suonare un brano, in modo che possa essere lei un buon maestro a casa. Il bambino ascolterà il brano molte volte fino a che non gli diverrà famigliare e fino a che da solo non svilupperà il desiderio di provare a suonarlo anche lui. E questo sicuramente accade!!!! Basta creare l’ambiente giusto!
  • I GENITORI IMPARANO INSIEME: I genitori devono aiutare il bambino a compiere una sorta di RITUALE quotidiano, che permetterà di apprendere come suonare. Un impegno non da poco per una mamma o un papà! L’importante è trovare un angolino ogni giorno, ritagliato tra i mille impegni di lavoro, scuola, sport, famiglia per dedicarsi unicamente all’abitudine alla musica!

Il METODO SUZUKI: Obiezioni

Parlando con la mia amica musicista scopro che l’obiezione che più viene mossa a sfavore di questa pratica è che un bambino di 3-4 anni difficilmente è così maturo da studiare volentieri e senza remore uno strumento ogni giorno. E’ faticoso e forse noioso nei primi tempi. Quindi capita di dovere INSISTERE, forzarlo, obbligarlo, ma perchè? Forse non gli piace, forse non è portato, forse non fa per lui….. ma se ci pensiamo un attimo non dobbiamo insistere anche per insegnare ai nostri bambini a mangiare tutto quello che hanno nel piatto, a obbedire ai genitori, ad essere educati e bravi a scuola? E perchè non farlo con la musica? Perchè la musica è meno importante, meno essenziale. Forse.

Ma studiare musica, esercitarsi in gruppo e imparare a padroneggiare uno strumento permettono di APRIRE LA MENTE, di imparare un METODO applicabile in ogni ambito, di assumere un atteggiamento UMILE, di sentirsi parte di un insieme di cui si è RESPONSABILI, di ragionare non come un singolo ma come un facente parte di un GRUPPO, di ingentilire il proprio animo e accogliere l’arte, di abituarsi al SACRIFICIO, alla FATICA e all’IMPEGNO senza paura. E tutto questo non è forse INDISPENSABILE? Io direi proprio di si!

Il METODO SUZUKI: dove?

Studiare con il metodo Suzuki è possibile anche a Vicenza!!!! Dove? Al Conservatorio Pedrollo! Dopo un primo anno dedicato alla ritmica, gli strumenti che i nostri figli potranno scegliere sono violino, violoncello, pianoforte e contrabbasso. Il prossimo Autunno sarà fatto un nuovo incontro informativo per l’anno 2017-2018. Basta tenere sotto controllo il sito della scuola o chiedere delucidazioni agli insegnanti.

Per info:

Conservatorio di musica di Vicenza Arrigo Pedrollo

sito: www.consvi.it

e-mail: conservatoriovicenza@legalmail.it

tel 0444 50755- 0444 507551

Valentina Zocca

e-mail: valecello@hotmail.it

Fonti:

Crescere suonando, l’educazione al Metodo Suzuki, di Domenico Cutrì 2012

Crescere con la musica, di Shiniki Suzuki 1983

www.metodosuzuki.it

Ogni albero vivo germoglia: su ogni ramo sbocciano bellissimi fiori. E’ lo splendido corso della Natura. Io credo che l’uomo dovrebbe seguire la Natura e produrre dei frutti.

Qual’è in fondo lo scopo della vita? Andare alla ricerca dell’amore, della verità, della virtù, della bellezza. Questo vale per voi, per me, per chiunque” Shiniki Suzuki


Elena PiazzaElena PiazzaAutrice cura la rubrica “Bambini a regola d’arte

Mamma di Cesare, Agostino e Letizia

Adoro tutto ciò che è arte, musica e letteratura. E sin da piccolina ho iniziato a esplorare questi mondi, che piano piano sono diventati i miei strumenti necessari per esprimermi.

Dai tre anni il disegno è diventata la mia passione. Ho continuato scegliendo di studiare arte e laureandomi in Archeologia. Ho fondato e gestito un’associazione culturale e ho trovato lavoro in un museo, dove svolgo diverse mansioni tra cui anche quella di operatrice didattica e guida. E’ un lavoro impegnativo che però mi permette di stare a contatto con persone di tutte le età, di tenermi allenata con lo studio, di approfondire continuamente diversi aspetti del mondo dell’arte e di tenermi aggiornata su tutto ciò che accade in città!

Figlia e sorella di musicisti ho masticato note e pentagrammi da quando sono nata. In particolare prediligo il canto che ho sempre esercitato facendo parte di vari cori e sperimentando generi diversi.

Diventata mamma (tris da pochissimo!!!) non ho rinunciato alle mie passioni e inclinazioni e cerco sempre di trovare un modo per conciliarle con la famiglia. Ed eccomi qui a provare a raccontare il mio mondo!

Arte e bambini: didattica museale

Un pomeriggio dello scorso febbraio, mio figlio Agostino, poco più che treenne, mi ha indicato il cielo e con lo sguardo concentrato e un po’ sognante mi ha detto: “Mamma! le nuvole sono bianche, ma anche viola, azzurre, grigie, arancioni e blu”. Io l’ho guardato ammirata e non ho potuto far altro che dirgli che aveva perfettamente ragione. E tra me e me ho pensato “E’ un genio, come ha fatto a capirlo lui, quando io mi sono ritrovata a studiarlo sui libri di scuola!”.

Già, perché una delle teorie fondamentali della tecnica impressionista è proprio quella di considerare il colore, che noi percepiamo quando osserviamo qualcosa, come una sintesi della sovrapposizione di più colori. Non esiste il bianco, non esiste il nero, solo colore.

Renoir, uno dei maestri indiscussi del metodo impressionista, infatti diceva che «in natura il bianco non esiste: devi riconoscere che sopra la neve hai un cielo. Questo cielo è azzurro, questo azzurro deve rispecchiarsi nella neve; al mattino in cielo ci sono verde e giallo … alla sera rosso e giallo dovrebbero apparire nella neve».

Insomma, mio figlio così piccolo e senza studiare aveva già capito quello che grandi artisti avevano teorizzato e portato avanti con le loro opere nell’800!

Quindi arte e bambini … si può!

Sapevo che doveva essere così e ne ho avuto la piena conferma con questo episodio domestico!

In fondo l’arte, se tralasciamo i paroloni dei grandi critici e le definizioni complicate dei manuali più raffinati, è squisitamente semplice. E come potrebbe non esserlo? Nasce da un bisogno interiore di esprimere qualcosa. Ancora prima della parola si comunica con un colore, una forma, una materia e … la vista e il tatto, non sono forse i primi sensi che impara a sviluppare un bambino sin dalla più tenera età?

Pablo Picasso sosteneva che tutti i bambini sono degli artisti. E forse aveva ragione.

I bambini sono immediati, creativi, sognatori e tutto ciò li avvicina molto al processo di realizzazione di un’opera d’arte. Avete mai osservato un bambino al museo? Io ho guardato i miei figli a Palazzo Leoni Montanari e in Basilica Palladiana a Vicenza, a Palazzo Reale a Milano e a Palazzo The a Mantova: vagano per le sale, ascoltano l’eco della loro voce, si fermano davanti ai quadri e indicano ciò che è loro famigliare come i colori, le barche, i treni, il mare, e appoggiano le loro manine sulle diverse superfici che incontrano tra cui statue di pietra, pavimenti di marmo, cornici di legno.

Far conoscere la pittura, la scultura, l’architettura e i grandi maestri del passato ai bambini dunque non è impossibile. Basta utilizzare strumenti e linguaggi adeguati, che mettano in comunicazione due entità, opera e bambino, che hanno approcci simili e legami già abbozzati per natura. E questo è quello che cerca di fare la didattica museale che è rivolta a tutti, adulti compresi, ma che è uno dei sistemi migliori per mettere in contatto i nostri figli con il mondo dell’arte.

Esempi di didattica museale ne troviamo in molte città d’Italia. Offrono progetti rivolti alle scuole nei più importanti e caratteristici siti artistici e storici del nostro paese. Spaziano tra diverse epoche storiche, linguaggi, ambienti, contesti, religioni e offrono, attraverso la capacità di un operatore preparato, la possibilità di approfondire la conoscenza dell’arte e della storia locale, con uno sguardo rivolto anche, più in generale all’Italia e a Paesi e culture lontani.

Esisterebbe però anche una didattica museale scollegata dall’ambito scolastico e rivolta alle famiglie, che consentirebbe ai più o meno piccoli di esplorare il mondo dell’arte insieme a fratelli, genitori, nonni e di condividere insieme un’esperienza insolita, divertente e affascinante.

Anche a Vicenza abbiamo esempi di questo tipo? La risposta è si!!!

Ho curiosato nei siti web dei nostri musei e dei nostri bellissimi palazzi e ho parlato con gli operatori didattici che si occupano di gestirli. Ho appurato che oltre alla didattica rivolta alle scuole, molto ricca e allettante, ci sono diverse proposte anche per i nuclei famigliari. Ho raccolto i dati e li ho riassunti qui per voi.

Il panorama delle offerte è davvero vasto e sarebbe un peccato non approfittarne per fare qualcosa insieme ai nostri figli una delle prossime domeniche di bella stagione, qualcosa di diverso ma nel contempo utile e stimolante!

Buona scelta!

  • A Villa Valmarana ai Nani la didattica è affidata a tre professioniste Paola Bonugli, Federica Pilastro e Paola Rossi. Alle scuole propongono, a seconda dell’età scolastica, percorsi narrativi o artistici che, attraverso l’analisi dell’architettura, delle pitture e della storia della villa, viaggiano nel passato offrendo agli alunni un originale approccio allo studio della storia dell’arte comprendendo le trasformazioni avvenute nel tempo nei luoghi che li circondano. Al momento non sono previste offerte didattiche per la famiglia, ma c’è comunque la possibilità di chiamare e accordarsi per un percorso studiato appositamente. E’ inoltre viva anche l’intenzione di sviluppare una vera e propria didattica per famiglie a partire dal prossimo settembre ,che comprenda non solo gli ambienti della Villa, ma anche i giardini e gli spazi esterni.

Per info e contatti: telefono e fax 0444 321803 – Email info@villavalmarana.com – sito www.villavalmarana.com

  • La didattica a Palazzo Thiene, alla chiesa di Santa Corona, alla pinacoteca di Palazzo Chiericati, al Museo del Risorgimento e della Resistenza, al Museo Archeologico e alla Villa Rotonda è gestita dall’associazione culturale Ardea. Le proposte rivolte alle scuole sono tantissime. Anche in questo caso si diversificano per età, dalla scuola dell’infanzia alla secondaria, e per tematiche. Oltre all’approfondimento della conoscenza del patrimonio culturale vicentino, poi Ardea propone anche itinerari didattici volti alla scoperta dei grandi maestri dell’arte moderna come Chagall, Matisse, Van Gogh. Moltissime di queste attività didattiche sono aperte anche alle famiglie, attraverso prenotazione di un operatore, per un gruppo di minimo 10 e massimo 25 persone. Infine, Ardea organizza durante l’anno alcune giornate evento con attività rivolte esclusivamente alle famiglie, ma per conoscerle bisognerà aspettare ormai il prossimo autunno.

Per info e contatti: telefono 346 5933662 – Email pinacoteca@associazione-ardea.it – sito www.associazione-ardea.it

  • A Palazzo Leoni Montanari la didattica è gestita dallo staff di Civita Tre Venezie e coordinata da Agata Keran. Propone alle scuole diversi percorsi, tutti gratuiti, che spaziano dalle collezioni permanenti del museo alle mostre temporanee. Presenta inoltre un calendario molto fitto di eventi rivolti alle famiglie. Per il mese in corso, in occasione della mostra “Ritratto di città” ci saranno: Domenica 7 maggio alle ore 11.00 Domenica 14 maggio alle ore 16.30, Domenica 21 maggio alle 16.00 e Domenica 28 maggio alle 16.00 degli itinerari con laboratori creativi volti a scoprire l’arte dello Zuccarelli e il suo legame con la figura di Palladio e la nostra città. Tutte le proposte sono prenotabili e a pagamento: 5 euro a persona per l’attività più 5 euro di ingresso al museo. I bambini entrano gratuitamente.

Per info e contatti: telefono 800 578875 – fax 0444 991280 – Email info@palazzomontanari.com – sito www.gallerieditalia.com

  • Al Palladio Museum, oltre all’offerta didattica rivolta alle scuole, è attualmente in corso “Un architetto in famiglia”, ovvero un programma di incontri domenicali per i bambini con i loro genitori ideato in collaborazione con The Playroom che ha come obiettivo il far esplorare e comprendere il fascino dell’arte dell’architettura anche ai più piccoli. I prossimi laboratori si svolgeranno Domenica 14 maggio alle 10.30 e Sabato 20 maggio alle ore 20.30 in occasione della Notte dei Musei. Ingresso al museo e laboratorio sono gratuiti per tutti i bambini. La prenotazione è obbligatoria.

Per info e contatti: telefono 0444 323014 – Email didattica@palladiomuseum.org – sito www.palladiomuseum.org

  • Il Museo Diocesano ogni anno propone una serie di appuntamenti pomeridiani domenicali rivolti alle famiglie che generalmente prevedono una parte di visita alle collezioni permanenti e un laboratorio a cura di professionisti quali artisti, fotografi o attori. Il prossimo, dal titolo “Gocciolo, un rubinetto e la sua allergia”, racconto sulla diversità, animato di e con Franco Mastrovita, sarà Domenica 14 maggio alle ore 15.00 e alle ore 16.30. L’attività gratuita e su prenotazione.

Per info e contatti: telefono 0444 226400 – Email museo@vicenzachiesacattolica.it – sito www.museodiocesanovicenza.it


“Devi tenere vivo il bambino che è in te: senza di lui non si può creare.” Joni Mitchell


Elena PiazzaElena PiazzaAutrice cura la rubrica “Bambini a regola d’arte

Mamma di Cesare, Agostino e Letizia

Adoro tutto ciò che è arte, musica e letteratura. E sin da piccolina ho iniziato a esplorare questi mondi, che piano piano sono diventati i miei strumenti necessari per esprimermi.

Dai tre anni il disegno è diventata la mia passione. Ho continuato scegliendo di studiare arte e laureandomi in Archeologia. Ho fondato e gestito un’associazione culturale e ho trovato lavoro in un museo, dove svolgo diverse mansioni tra cui anche quella di operatrice didattica e guida. E’ un lavoro impegnativo che però mi permette di stare a contatto con persone di tutte le età, di tenermi allenata con lo studio, di approfondire continuamente diversi aspetti del mondo dell’arte e di tenermi aggiornata su tutto ciò che accade in città!

Figlia e sorella di musicisti ho masticato note e pentagrammi da quando sono nata. In particolare prediligo il canto che ho sempre esercitato facendo parte di vari cori e sperimentando generi diversi.

Diventata mamma (tris da pochissimo!!!) non ho rinunciato alle mie passioni e inclinazioni e cerco sempre di trovare un modo per conciliarle con la famiglia. Ed eccomi qui a provare a raccontare il mio mondo!

Locali Amici dei Bambini

I locali presenti su questa pagina sono stati inseriti su recensione di mamme e genitori soddisfatti del trattamento ricevuto e del servizio offerto (soprattutto riguardo alla presenza di aree gioco, fasciatoi, seggioloni, menù per bambini e/o altro).

Se volete suggerire locali amici dei bambini o modificare qualche dato tra quelli già esistenti scrivete a esseremammeavicenza@gmail.com

Vicenza e provincia

Arcugnano

  • La Vera Birreria via Umberto I 7. Buona pizza, buoni piatti. Fornito il fasciatoio. Tel. 0444. 270111

Asiago 

  • Alla Baitina Via Kaberlaba 35. Ottimo ristorante fornito di fasciatoio e seggioloni. Giardinetto con altalene e giochi con una vista su tutta Asiago. Tel 0424.462149
  • Baita al Prunno località Prunno di Asiago, Strada Asiago-Bassano, grande parco giochi, bagno con fasciatoio e seggioloni nonchè baby-menù. Tel: 339.6416519 – 338.1590657

Bassano Del Grappa

  • Color Cafè via SS Trinità 8. “Animatori di idee” tra cui il progetto “Parlattando“, incontri per mamme che allattano e non. Tel.333.2348819 Tobia
  • Noe’s via Spin 111 (Romano d’Ezzelino) ha un occhio di riguardo per i più piccoli con piatti dedicati ai bambini e ai loro gusti. Inoltre, è stato installato per loro un grande gioco dove farli divertire mentre i genitori possono cenare tranquilli. Tel: 0424.35956

Brendola

  • Amadeus via Pacinotti 1. Grande sala con giochi per bambini, menu’ per bimbi, seggioloni, fasciatoio e bagno solo x i bambini, angolo x riscaldare la pappa, animatrice che propone attività ludiche, serate con animazione di maghi e pagliacci. Il venerdì alle famiglie fanno il 10% di sconto. Tel. 0444-601903 – 601683
  • Golf Club Colli Berici Strada Monti Comunali. Cucina ricercata (ottima per le grandi occasioni), menu di stagione, piatti a richiesta per i più piccoli, seggiolini a disposizione, fasciatoio fornito, area verde circostante. Tel: 0444 601780.

Bressanvido

  • Pizzeria-Ristorante Ca’ Divino Via Marosticana 54 località Poianella. Una uova sala Baby Park di 200 mq piena di giochi per bambini. Nei week-end c’è una ragazza che segue i bimbi dai 4 anni in su. E’ munito di fasciatoio e di bagno per i piccolini. Menù per bambini. La stanza si può affittare anche per compleanni pomeridiani con o senza buffet! A disposizione anche una saletta appartata per allattare.  Tel: 0444.660084

Caldogno

Camisano Vicentino

Chiuppano

Costabissara

  • Le Fornaci da Lello via Fornace 19. Pizzeria e ristorante specialità pesce, menù per i bimbi e per eventi speciali. Forniti di seggioloni. Tel.0444 557751
  • Paola Snack Birreria Strada Pasubio 12/D (località Motta). Menù per bambini: wurstel patatine bibita gelato 5€ serviti subito. Forniti di fasciatoio e angolo giochi. Tel.0444.970724

Costozza

  • Al Volto Via Volto, 39. Trattoria provvista di seggioloni, fasciatoio e stanza per allattare. Telefono: 0444 555118

Dueville

  • Le Cascine via Pasubio 114. Cucina casalinga, tutto fatto in casa. Gigio e Otto (Ottorina) ti coccolano. Si può mangiare all’aperto, i bambini hanno giochi a disposizione, giostrine ed un tappeto elastico. Non dá sulla strada x cui anche i piccolini sono al sicuro. Sono attentissimi al cibo ( Per esempio la cuoca non fa dolci con le uova e il suo tiramisu è divino). I bambini al di sotto degli 8 anni non pagano. Fornito il fasciatoio. Tel: 366.1743804

Longare 

Malo

Montecchio Maggiore

  • Terzo Tempo Pizzeria-Caffetteria-Self Service via Lombardi 63. Stanza dedicata ai bambini. Tel:0444.602184 E-mail: info@terzotempocaffe.itNirvana Pizzeria-Birreria viale Trieste 91. Stanza dedicata ai bambini. Tel: 0444.696911
Quinto Vicentino
  • Bebo Bistrò Via degli Eroi 6. Caffetteria con angolo bimbi. Possibile prenotare buffet e dolce (anche in cake design) per feste di compleanno. Tel 347.4192740
  • Ristorante Dai Gelosi Via Piave 74 (Valproto). Stanza dedicata ai bambini con animazione. Tel. 0444.357438 E-mail: info@daigelosi.it

Roana

  • Pizzeria Al Fortino Via Dante Alighieri, 105/107 (Frazione Canove). Pizza ottima, seggiolini e fasciatoio a disposizione. Ambiente informale ma carino. Tel 0424.692447

Sandrigo

  • H2O Drink & Food Via del Capitello 39. locale a misura di bambino, dal menù all’attrezzatura nel bagno. Animazione e intrattenimento per bambini (da calendario). Tel 0444 658098

Schio

  • Ristorante da Beppino Località Ceresara 1. Tel. 0445.670139. Baby room per il cambio pannolino e stanza attrezzata per bebè.
  • Pizzeria La Botte: via Dei Nogarola 57, Tel. 0445.524686  area giochi per bambini con seggioline e tavolini, TV, giochi, colori e libretti per intrattenere i bambini.

Trissino

Valdagno

  • L’antica Crostineria via Chiesa di Piana 57 (Piana). Sala dedicata ai bambini e fasciatoio. Tel.0445.431261

Vicenza

  • Birreria Number One: Strada del Pasubio 498, offre giardino estivo con gonfiabili, sabbiera, altalene e tappeto elastico. In autunno ed inverno stanza interna con tanti giochi.  Nei week-end educatrice per bimbi dai 3 anni. Tel: 0444.980676
  • La Conchiglia d’Oro: via Bassano 7, ottimo menù e stanza dedicata ai giochi per bambini, grande bagno con fasciatoio e spazio per allattare con comode poltrone. Tel: 0444.504202
  • Villa delle Rose Ristorante Pizzeria Strada Padana Superiore 30. Sala attrezzata per bambini. Tel: 0444.964653
  • L’Acero Rosso Strada di Polegge 116. Ristorante tranquillo,ben curato e con personale cordiale. Fasciatoio nel bagno. Tel: 0444.297585
  • Viest Hotel Il sabato sera viene proposto il servizio tata agli ospiti del ristorante. Sempre presente lo spazio bimbi nella hall dell’albergo. Via U. Scarpelli, 41 – Tel: 0444 582677

FUORI PROVINCIA:

  • Ristorante Al Bosco: Via Bosco 21 Cervarese Santa Croce (Padova). Grande parco immerso nel verde e parco giochi recintato.

Grave inquinamento da PFAS nella nostra Provincia

Uno studio della Regione Veneto, alla data del 2013, fotografa così la situazione: esiste una zona fortemente inquinata da Pfas (in quanto si superano i limiti di performance).

In tale elenco oltre ai comuni più fortemente inquinati (tra i principali nel 2013 Trissino, Montebello, Montorso, Montecchio Maggiore, Lonigo, Brendola, Sarego, Altavilla Vic.na, Creazzo, Sovizzo, Sossano, Poiana Maggiore, Grancona, San Germano dei Berici, Noventa Vicentina, Orgiano e limitrofi) compare anche Vicenza, che reca un parametro di superamento sia nelle acque superficiali che nelle acque sotterranee. In particolare lo studio rileva come nel comune di Vicenza a luglio del 2013, tutti i parametri ricercati superassero i limiti anche per le acque in distribuzione (acque potabili in rete nel comune di Vicenza).

Successive ricerche della Regione Veneto, ARPAV ed ISS hanno evidenziato la potenziale pericolosità dei composti denominati PFAS (PFOA, PFOS, PFAS), osservando anche tramite biomonitoraggio ed indagine statistiche, come la popolazione che ha assorbito dette sostanze non sia in grado di smaltirle e come nelle aree di maggior assorbimento si siano verificati casi statisticamente significativi di:
–       pre-eclampsia, del diabete gestazionale e di alcune malformazioni maggiori, tra cui anomalie del sistema nervoso, del sistema circolatorio e cromosomiche (pur osservando che le malformazioni sono eventi che necessitano di un arco temporale di valutazione più esteso);
–       eccesso di mortalità per patologie possibilmente associate a Pfas: esempio cardiopatie ischemiche (+21% M + 11% D) malattie cerebrovascolari (19%U) diabete mellito (25% D) Alzhaimer (+14%D).

Le sostanze sono caratterizzate da una notevole resistenza nell’ambiente, associata ad una rilevante capacità di diffusione e da una persistenza molto significativa che determinano una diffusa presenza nell’ambiente idrico, nell’ambiente e negli organismi, incluso l‘uomo, dove tendono ad accumularsi nel tempo.

Precisiamo che l’assorbimento di dette sostanze avviene sia tramite l’assunzione di acqua che di alimenti inquinati (ortaggi, carni, frutta etc etc).

Attualmente, l’area interessata dall’inquinamento è in progressiva espansione ed ha intaccato anche il dominio acquifero di media e bassa pianura delle Provincie di Padova e Verona, nonchè una parte considerevole della rete idrografica della zona.

Si evidenzia che nessun ente pubblico o privato ha proceduto a bonifica dell’area inquinata: i cd. Comuni della zona rossa usano acqua filtrata ma non pulita alla fonte: conseguentemente, purtroppo, l’irrigazione delle coltivazioni avviene ancora oggi con acqua che può essere inquinata, mentre l’abbeveraggio per gli animali dovrebbe essere eseguito mediante acqua non contaminata.

E ciò nel rispetto della recente comunicazione della Regione del Veneto, datata 21.03.2016 inviata ai direttori Generali, Sanitari ed ai Direttori dei Dipartimenti di Prevenzione delle Aziende ULSS 5-6-17-20-21 che impone un protocollo di “sorveglianza sanitaria sugli alimenti, indirizzi operativi ed indicazioni a tutela della salute per l’acqua abbeverata e per le aziende di produzione alimentare nell’area d’impatto” raccomandando che le istituzioni destinatarie del Protocollo, provvedano in tempi brevi, tra l’altro, a controllare gli approvvigionamenti idrici e ad attuare le azioni correttive da adottare per la gestione della criticità.

Al momento non vi sono notizie riguardo l’esecuzione effettiva della comunicazione sopra riportata.

Inoltre nessun controllo è attualmente stabilito sulle mense scolastiche: le schede tecniche degli alimenti non riferiscono ne il luogo di produzione, ne l’effettuazione di analisi.

La Procura della Repubblica di Vicenza e di Verona hanno avviato un’inchiesta penale.

E’ importante che chi tema di aver subito un danno dalla vicenda non perda la possibilità di tutelarsi (prescrizione 5 anni).

Gli avvocati Marta Zocche e Alessandra De Pretto sono disponibili ad informare quanti siano interessati/colpiti dal grave problema che affligge la nostra Provincia offrendo indicazioni sulla situazione attuale, sugli interventi sino ad oggi attuati dai Comuni/Provincia/Regione.

Essere mamme ad Abilmente

essere mamme ad abilmente

Vi aspettiamo mamme creative dal 13 al 16 ottobre alla Fiera di Vicenza per l’edizione 2016 della fiera Abilmente!

Ci troverete nella nuovissima area dedicata alle mamme creative del padiglione 7!

iscriviti_adesso

Iscriviti ai nostri tutorial QUI Scrivi una mail a esseremammeavicenza@gmail.com

specificando il titolo del tutorial, la data e l’orario di interesse!

contest

Partecipa al nostro simpatico #CONTEST

Stuzzicante, fantasioso, coccoloso, imperdibile contest per mamme creative!

Fai fare uno o più disegni al tuo bambino, con un soggetto a sua scelta, e trasformalo in un personaggio/pupazzetto!

oppure

Crea un pupazzo originale e poi fallo disegnare al tuo bambino!

(Il pupazzo non dovrà superare le dimensioni di un foglio A4)

Non dovrà essere un lavoro fatto necessariamente con l’arte di una sarta professionista! Riempi un calzino e attaccadue bottoni per farci gli occhi oppure inventati qualcosa che sia simpatico e colorato, non valuteremo le capacità tecniche ma la fantasia e la simpatia del personaggio!!!!

Esporremo in fiera tutti i lavori che ci verranno consegnati entro e non oltre lunedì 10 ottobre!

IMPORTANTE!!! Consegnaci il pupazzo INSIEME al disegno!!!

Il personaggio che riscuoterà più consensi diventerà la nuova mascotte di Essere mamme a Vicenza!

Chiedi maggiori informazioni alle mail emaviaps@gmail.com o esseremammeavicenza@gmail.com

Le mamme associate ad Essere mamme a Vicenza, esibendo la tessera in cassa, entreranno ad Abilmente al prezzo speciale di 9€!!!!

Se non sei associata

scarica e presenta alle casse il tuo invito riduzione  riduzione-emavi-abilmente

ATTENZIONE!!! Solo in occasione della fiera, associandoti ad Essere mamme a Vicenza, la tua tessera avrà validità, non solo per i mesi rimanenti dell’anno 2016, ma per tutto il 2017!!!!

 

Note: Tutti i pupazzi partecipanti al contest verranno resi al proprietario escluso il vincitore.

 

EmaViAps: L’associazione DELLE mamme PER LE mamme

EmaViAps

L’associazione di Promozione Sociale Essere mamme a Vicenza è nata a marzo 2015, grazie ad un gruppo di mamme, per le mamme, i bambini e le famiglie di Vicenza e provincia.

Essere mamme a Vicenza cerca di creare una rete di “sicurezza” per le mamme che fanno le trapezziste in questa società che non sempre le sostiene ed è dalla loro parte.

Una mamma va accompagnata nel suo personale cammino, il suo e quello del suo bambino, senza giudizi. Lei mamma unica, madre di un bambino unico, con le proprie esigenze e uguale a nessun’altro. Per questo EmaVi (Essere mamme aVicenza) non vuole essere un manuale ma una rete di contatti, aiuti, sostegno e consigli.

Amiamo la natura, le maternità ad alto contatto, promuoviamo l’allattamento al seno, l’autosvezzamento… ma tutto nel rispetto della competenza del bambino e della mamma.

Per noi la mamma è una mamma “perfettamente imperfetta” sia che allatti al seno o che allatti al biberon, sia che abbia vaccinato i suoi figli sia che non lo abbia fatto, che abbia dormito con i figli nel lettone o che li abbia messi nella loro cameretta a pochi mesi. Tutte scelte ammirabili e rispettabili, soprattutto se consapevoli. Vogliamo aiutare la mamma a trovare la sua consapevolezza.

Cosa abbiamo in calendario per voi:essere mamme a vicenza

OGNI GIOVEDì ALLE ORE 10:30 FITEMOTION MAMY AND BABY 

GENNAIO

– mercoledì 25 ore 20.30 DISOSTRUZIONE

FEBBRAIO

– sabato 18 dalle ore 9:00 alle ore 13:00 PRIMO SOCCORSO PEDIATRICO

sabato 25 dalle 16 alle 18 FESTA DI CARNEVALE

MARZO

sabato 4 dalle ore 10:00 alle ore 11:00 e dalle ore 11:15 alle ore 12:15 DIFESA PERSONALE

sabato 11 dalle ore 10:00 alle ore 11:00 e dalle ore 11:15 alle ore 12:15 DIFESA PERSONALE

– sabato 18 dalle ore 10:00 alle ore 11:00 e dalle ore 11:15 alle ore 12:15 DIFESA PERSONALE

sabato 25 alle ore 9.45 DISOSTRUZIONE

APRILE

– sabato 1 dalle ore 10:00 alle ore 11:00 e dalle ore 11:15 alle ore 12:15 DIFESA PERSONALE

– sabato 8 dalle ore 10:00 alle ore 11:00 e dalle ore 11:15 alle ore 12:15 DIFESA PERSONALE

MAGGIO

– mercoledì 24 ore 20.30 DISOSTRUZIONE

CHIUSURE PER FESTIVI: (Vengono sospese tutte le attività ed i corsi)

– Da sabato 24 dicembre 2016 a domenica 8 gennaio 2017 compresi
– Da giovedì 23 a martedì 29 febbraio compresi
– Da giovedì 13 a martedì 18 aprile compresi
– Dal 1° giugno a metà settembre

 

 

 

 

La Nuova Posta ora anche a Vicenza!

Grazie ad una mamma vicentina, è arrivata nella nostra città “La Nuova Posta”, la Posta Privata in Via Medici 71 a Vicenza!

 

la nuova posta
E’ stata da poco inaugurata la sede vicentina di “La Nuova Posta”. Voluta e gestita da mamma Marina Ciric, una giovane mamma vicentina che ha usufruito delle risorse del microcredito del Movimento 5 Stelle per aprire la sua attività. La sede della posta privata si trova in Via medici 71.
La Posta Privata è un ufficio postale a tutti gli effetti e con tutte le autorizzazioni rilasciate dal Ministero delle Comunicazioni.
E’ un ufficio dove, a differenza delle poste statali, mediamente si ha un certo risparmio non andando ad incidere sulla qualità del servizio, che addirittura risulta essere più soddisfacente.
Presso una Posta Privata trovate praticamente tutti i servizi delle poste statali tranne i servizi bancari come conti correnti o vaglia.

I servizi disponibili sono:

  • Posta semplice
  • Raccomandata semplice
  • A/R e urgenti
  • Pagamento bollettini
  • Telegrammi
  • Spedizione pacchi
  • Ritiro pacchi per conto del cliente in caso di impossibilità del cliente al ritiro
  • Servizio imballaggio pacchi
  • Ricariche telefoniche
  • Servizio fax e fotocopie
  • Servizio di volantinaggio
  • Piccolo angolo di cancelleria
  • Da venerdì 15 luglio sarà attivo anche il servizio di Money Transfer

 

la nuova postaL’ufficio “La Nuova Posta” è in Via Medici 71 a Vicenza

ORARI: dal lunedì al venerdì 9:00 – 18:30 sabato 9:00 – 13:00

Tel. 0444/926395 mail: vicenza@lanuovaposta.it

Segui la Pagina Facebook La pagine facebook “La Nuova Posta fil.Vicenza” .

 

COPPETTA MESTRUALE a Vicenza

coppetta mestruale
coppetta mestruale – imm.di mammaoggi.it

Molte donne si sono convertite (con successo) alla coppetta mestruale, un modo alternativo ecologico e pulito per vivere i giorni del ciclo femminile.Su coppettamestruale.it  potete trovare recensioni, curiosità, tutte le taglie e misure! In questa pagina troverete informazioni sulle varie coppette i posti in cui poterle trovare

ACQUISTI ON-LINE

  • Albero e Stella, negozio on-line ma anche possibili visite in sede su appuntamento (Cornedo Vicentino): può illustrarvi e farvi vedere la coppetta Mami Cup e MeLuna
  •  Baby Cloud, negozio on-line MeLuna con anello (sia la classica che soft) con possibilità di ritirare i prodotti per non pagare le spese di spedizione.

Se invece non vi fidate o non vi piacciono gli acquisti on-line le potete trovare nei seguenti posti:

  • Allo Spaccio pannolini di Vicenza trovate la Mami cup (Viale S. Agostino)
  • Al Baby Bazar di Schio trovate la Mami Cup (via Pietro Maraschin 68, Schio)
  • Contattando una consulente Rossolimone (su Facebook: Assunta Rossolimone Vicenza) si può conoscere meglio la coppetta Natù;
  • Contattando una consulente Amame Maiko (su Facebook: Mara Amame Maiko) si può conoscere la coppetta Mooncup;
  • Farmacia dell’Ospedale, Corso Fogazzaro 48 Vicenza dove trovate l’Intimina
  • Farmacia Mei Spadaro, via Torino 18 Creazzo trovate l’ eco-cup

Solo Mooncup:
-Naturasì (via Divisione Acqui)
-Erboristeria Erbaluisa (Corso Fogazzaro)
-Bioverde via Fiume 106 Arzignano
Farmacia Pozzi via Scalabrini 102 Bassano del Grappa
-Mondo della Sanità Via P. Ceccato Montecchio Maggiore

Se conoscete altri negozi, sanitarie, farmacie o altro dove poterle trovare nel vicentino scrivete a esseremammeavicenza@gmail.com