Atelier impertinente: materia e colore

Atelier impertinente: materia e colore

ATELIER IMPERTINENTE: materia e colore

Per bambini curiosi dai 2 ai 99 anni

Alzi la mano chi in casa non ha rossetti, matite per gli occhi, cosmetici di ogni genere fermi da anni, pronti
per essere cestinati ma che non abbiamo il coraggio di buttare!

Bene è arrivato il momento di dargli una seconda possibilità!

Io ho pensato di fare così e di affidarli alle mani della mia piccola Anna e il gioco è stato molto apprezzato!

Ai bambini infatti piace tanto utilizzare strumenti e oggetti che solitamente utilizzano gli adulti e quando li si
dà la possibilità di poterli sperimentare sono felicissimi.
Disponi i trucchi (rossetti, rimmel, matite, ombretti, quello che hai a disposizione) in un contenitore, senza
tappi e con le punte delle matite temperate.

Metti a diposizione fogli di carta anche colorate su cui il bambino potrà fare più prove di segno (se hai il
rotolo di carta dell’ikea MALA meglio).

Lascia “libero” il bambino di sperimentare sul foglio, ma soprattutto di giocare con i materiali che ha a
disposizione per poter scoprire il magico mondo dei materiali di cui sono fatti i cosmetici.
Atelier impertinente: materia e colore
Nasceranno così dei bellissimi disegni molto materici fatti di segni, tracce, impronte, texture tutti nati da gesti
liberi e casuali in cui si manifesta il piacere della scoperta.
I trucchi in generale sono fatti di materiali straordinari, hanno colori brillanti, consistenze pastose, una resa
molto materica, si sfumano facilmente con il dito e creano effetti plastici tridimensionali sul foglio e ogni
strumento ha una sua peculiarità.

Tutte queste caratteristiche io e Anna le abbiamo scoperte sperimentando questi strumenti sulla carta.
Per i bambini diventa quindi un gioco divertente con cui sperimentare nuovi strumenti e conoscere nuove
consistenze materiche.

Cosa si fa poi con i fogli colorati?
Assolutamente nulla…si cestinano!

Lo scopo di questo tipo di attività è quello di stimolare il bambino all’atto creativo di generare segni e disegni
in modo intuitivo, lasciando che la fantasia e l’immaginazione trovino terreno fertile su cui poter sbocciare.
Ma soprattutto, conoscere gli oggetti quotidiani sotto altri punti di vista e usarli in modo impertinente per
sviluppare una mente aperta e curiosa e scoprire che tutti gli strumenti possono nascondere delle sorprese
inaspettate.

Non c’è museificazione di disegni ma solo il piacere di fare un’esperienza pratica su strumenti, materiali e
gestualità senza generare quindi un prodotto finito…un lavoretto!

E intanto noi mamma ci siamo liberate di un bel pò di vecchi trucchi e cosmetici che erano conservati nel dimenticatoio, quel posto speciale ricco di reperti archeologici casalinghi.

E ora …provateci anche voi!
Buon divertimento


Rubrica a cura di:

Nadia Fusco  – Autrice – cura la rubrica “Creattività

Ideatrice della rubrica “Voilà Atelier Creativo…esplora, crea, gioca”

Mamma di Anna e appassionata del fare con le mani, di artigianato, di arte e di Bruno Munari

Immaginate una bambina curiosa che passa il suo tempo a creare, esplorare la natura, a fare e disfare. Quella bambina sono io e quello era il mio modo per stare bene ieri ed è quello che mi fa felice oggi. Ho studiato arte alle superiori, design all’università e per 11 anni ho lavorato come designer di gioielli, nel frattempo mi sono specializzata come atelierista per bambini 0-6 anni e con la didattica de La Scuola del fare. Avevo un sogno nel cassetto, portare la magia della creatività dove serviva e oggi lo faccio con il mio progetto Voilà Atelier Creativo.

Cos’è Voilà Atelier Creativo?

Voilà Atelier Creativo è il tocco di una bacchetta che – come per magia – dà forma a laboratori e workshop creativi per bambini, ragazzi e adulti convinti che il gioco sia una cosa seria. Voilà è uno spazio errante: entra nelle case e nelle scuole, prende posto nelle piazze e nei parchi. Dove c’è bisogno di creatività, fantasia e sperimentazione, Voilà arriva. La magia prende ispirazione dalle idee di Bruno Munari e dal metodo Montessori. Per questo in ogni proposta c’è il piacere di usare mani ed immaginazione, l’utilizzo di materiali diversi – carta, stoffe, argilla, inchiostro, lana, pasta, tappi – e la convinzione che l’arte sia per tutti.

Con il progetto Voilà atelier creativo mi piacerebbe far riscoprire la poesia del fare con le mani, stimolare la creatività per sentirsi liberi di creare e sperimentare.

Voilà atelier creativo è anche party e gift ma per saperne di più visitate la pagina facebook o istagram Voilà Atelier creativo

Con questa rubrica vorrei condividere la mia passione nello sporcarmi le mani e insieme esplorare, creare e giocare.

Dimenticavo, adoro gli albi illustrati e ora che ho Anna, ho un motivo in più per comprarli, questa passione la condivido con i bambini durante le letture come volontaria presso la biblioteca di Villaggio del Sole, Vicenza.

Giocare e’ una cosa seria! I bambini di oggi sono gli adulti di domani, aiutiamoli a crescere liberi da stereotipi, aiutiamoli a sviluppare tutti i sensi, aiutiamoli a diventare piu’ sensibili.

Un bambino creativo e’ un bambino felice!

Bruno Munari – 1986

Lascia un commento