Silvia Rosa e la nascita di Aurora

Per la rubrica “Ti racconto il mio parto”, Silvia Rosa ci parla della nascita della piccola Aurora

A

È la vigilia di Pasqua sono a 35+6 e sono ricoverata da un paio di giorni al San Bortolo di Vicenza a causa di pressione molto alta e proteinuria nelle urine. La gravidanza , fino a questo momento, é andata tutta speldidamente senza nessun tipo di problema ma da una settimana a questa parte ho iniziato a gonfiarmi come un pallone.. 1 kg ogni due giorni..

Sono le 20.30 è appena finito l’orario di visite e mio marito insieme a qualche parente sono appena andati a casa.. le ostetriche mi mandano giù in sala parto a fare il solito tracciato.. giù c’è calma e assoluto silenzio.. così tanto che dalla stanza accanto riesco a sentire il dott.Catapano che studia la mia situazione.. sento dire che ho valori troppo alti e che essendo ormai a 36 settimane era meglio far nascere la bimba.. in quel momento il mio cuore si riempie di gioia…non ero pronta a questa notizia, mancava ancora un mese, e pensare che l’avrei vista presto mi faceva davvero felice..avverto subito a casa e prometto che avrei chiamato non appena fosse partito tutto…

Le ostetriche e il dottore mi chiamano in una sala mi mettono la fettuccia e mi avvisano che ero già dilatata di 2 cm.. a quel punto mi rimandano in camera con l’augurio di rivederci presto in sala parto altrimenti avrebbero dovuto farmi il cesario il giorno seguente.

Salgo in camera e racconto tutto alla mia compagna di stanza mi sdraio e inizio a sentire le prime contrazioni… è la prima volta che le sento e non so quanto si faranno più dolorose..cammino un pò per il reparto e poi mi sdraio nuovamente prendendo sonno.

È la mattina di Pasqua mi sveglio e non sento più nulla, 0 contrazioni e allora mi rimandano ad eseguire il tracciato ed è proprio mentre lo faccio che mi si rompono le acque e iniziano contrazioni molto forti..mi visitano e sono dilatata di 3 cm.. fanno entrare mio marito e ci spostano in sala parto dicendomi però che ci sarebbero volute minimo un paio di ore.

In sala parto sono ancora sotto tracciato le contrazioni sono fortissime e continuo a mandare mio marito a chiamare qualche ostetrica..alla terza volta ne spunta una che visitandomi scopre con grande sorpresa che sono dilatata completamente..

Entrano in sala parto anche altre ostetriche insieme al ginecologo, 1..2..3 spinte ed ecco che alle 11.24 nasce il mio piccolo fagottino..2370 per 43cm.

Non la sento piangere subito e domando il perchè ma pochi secondi dopo sento il più bel pianto della mia vita..mio marito piange e io rido dall’emozione. Subito dopo me la posano nel petto..il mio piccolo amore♡♡… e poi la portano a lavarla con il papà e un paio di ore in incubatrice.

Una volta salita in reparto mi dicono di riposarmi ma io corro al nido e sto li seduta accanto finché non me la tirano fuori e me la portano in camera con me…e da lì non ci stacchiamo più!

Ecco è passato un anno da quel giorno ma é come fosse stato ieri..da quell’istante la mia vita è cambiata e ho provato un amore speciale indescrivibile!!

Lascia un commento