Sostegno allattamento materno

In questa pagina troverai la lista delle realtà presenti nel nostro territorio che potranno sostenerti  nell’allattamento.

sostegno allattamento materno

Sostegno all’allattamento materno: allattare è possibile anche quando è difficile, c’è chi può aiutarti!

L’allattamento al seno è una delle esperienze più belle che una mamma possa vivere, un gesto d’amore nei confronti del proprio figlio, un nutrimento sempre pronto, alla giusta tempertura e perfettamente bilanciato per il fabbisogno di un bambino.

A volte questa bellissima esperienza viene però oscurata da qualche problema che può creare delle difficoltà più o meno gravose alla mamma che allatta, soprattutto se al primo figlio.

Questa pagina vuole essere un posto dove trovare informazioni utili, numeri di telefono, indirizzi e, possibilmente, nomi delle persone e dei luoghi che hanno fatto del sostegno all’allattamento una passione e un lavoro.

Chi è la consulente professionale IBCLC?

La certificazione di Consulente Professionale IBCLC (International Board of Lactation Consultant) consiste in una preparazione specifica ed approfondita in materia di allattamento e lattazione umana.

Si ottiene sostenendo e superando un esame che si svolge una volta l’anno contemporaneamente in tutto il mondo, e per accedere a tale esame occorre avere dei requisiti specifici:

  • un numero elevato di ore di pratica clinica direttamente con le madri che allattano
  • almeno 90 ore di formazione specifica ed accreditata in lattazione umana entro i 5 anni precedenti la data dell’esame
  • una preparazione specifica ed approfondita in 14 materie che riguardano le scienze della salute
  • è obbligatorio aver frequentato un percorso di studi di grado superiore o universitario che certifichi il superamento degli esami in ciascuna delle seguenti materie sanitarie: biologia, anatomia, fisiologia, crescita e sviluppo infantile, introduzione alla ricerca clinica, nutrizione, psicologia, sociologia.
  • Per le rimanenti 6 materie, ovvero Basic life support (corso BLS), documentazione medica, terminologia medica, sicurezza occupazionale e sicurezza per operatori sanitari, etica per operatori sanitari, precauzioni universali e controllo delle infezioni, la formazione può essere acquisita presso istituzioni di alta formazione accreditate, oppure completando corsi accreditati per la formazione continua in medicina.

Tutte queste materie sono state sicuramente oggetto di studio all’interno delle seguenti professioni sanitarie, che per questo possono accedere all’esame presentando attestazione del titolo di studio conseguito: dentista, ostetrica, infermiera professionale, terapista occupazionale, farmacista, fisioterapista, medico, logopedista.

A chi puoi rivolgerti:

Consultorio familiare

  • Ulss 7 Bassano Del Grappa
  • Ulss 7 Alto Vicentino
  • Ulss n 8
    Presso il Consultoro Familiare è possibile effettuare visite e controlli di accompagnamento all’allattamento. Per richiedere una consulenza telefonica o informazioni, è possibile contattare le ostetriche del Consultorio Familare. Per prenotare visite e controlli è necessario contattare il Consultorio. Non è necessaria impegnativa. Possono accedere anche le donne straniere nei 40 giorni dopo la gravidanza, con tessera STP. Documenti necessari per la prenotazione: Tessera sanitaria regionale.

FAAM (Farmacie Amiche dell’Allattamento Materno):

Il progetto FAAM, sottoscritto dall’Associazione Culturale Pediatri, da IBFAN Italia e dal Comitato Italiano per l’UNICEF, rappresenta un progetto di eccellenza

L’iniziativa è così articolata:

  • Formazione dei farmacisti secondo gli standard proposti per gli operatori sanitari dall’O.M.S/Unicef (corso di 15 ore con un programma predefinito e con formatori/facilitatori appositamente preparati).
  • Allestimento nelle farmacie di un piccolo spazio nel quale la mamma che desidera allattare potrà trovare un luogo di accoglienza senza essere sottoposta a pressioni commerciali.
  • Vendita dei sostituti del latte materno solo su specifica richiesta. Latti formulati di qualsiasi tipo, altri alimenti e bevande sostitutivi del latte materno, così come biberon, ciucci e tettarelle, tutti i prodotti cioè coperti dal Codice Internazionale per la Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno, seppure disponibili nella farmacia, non saranno più sugli scaffali di libero servizio.
  • Promozione dell’immagine della madre che allatta al seno invece di quella della madre che usa il biberon.
  • Attivazione nella comunità di iniziative e progetti in rete con altri attori sociali e sanitari che tutelano l’allattamento materno.

In conformità alla Iniziativa UNICEF – “Ospedali e Comunità amici dei bambini” e alle “Linee di Indirizzo per la Protezione, la Promozione e il Sostegno dell’Allattamento al Seno del Ministero della Salute”, e al “Piano Sanitario Nazionale”, è prevista una continuità assistenziale tra i servizi ospedalieri e quelli territoriali e tra operatori territoriali che si occupano di donne in gravidanza, madri e bambini.

  • Farmacia Campedello Via Riviera Berica 167 Vicenza. Tel 0444 240288 / 0444 533715 E-mail lattematerno@farmaciacampedello.it. Prima Farmacia Amica dell’Allattamento Materno di Vicenza e la prima ad ottenere il patrocinio del Comune di Vicenza. Dal gennaio 2010 le mamme possono usufruire gratuitamente, previo appuntamento, della consulenza di Daniela Nicolin consulente IBCLC. e troveranno uno spazio dedicato dove allattare, cambiare e pesare il proprio bambino gratuitamente su bilancia regolarmente certificata.
  • Farmacia Alla Madonna Di Dutto Celina in Via Pecori Giraldi n.18 San Vito di Leguzzano, E-mail celina.dutto.vicenza@farmarete.it -Tel 0445 672455, per urgenze Cel 335-1095831 sarà disponibile per consulenze Bruna Scopel è Consuente professionale IBCLC.  la consulente si occupa di tutto quello che riguarda il dopo parto, assistenza domiciliare alle dimissioni, incontri dopo parto 0-6 mesi con le mamme, incontri mamme bimbi 6-24 mesi, acquaticità neonatale 0-5 anni, insomma quando una mamma la incontra, se ha piacere, la accompagna per un bel po’ di tempo. (Bruna Scopel Tel 320-1834612)  Inoltre la farmacia fornisce la bilancia pesa neonati gratis per il primo mese
  • La Farmacia Zanoni dott. Luca in via Mazzini 3 Arzignano Tel 0444 670174. Propone uno spazio per poter allattare con tranquillità e/o cambiare il proprio pargolo e organizza degli incontri con Daniela, Consulente Professionale in Allattamento Materno IBCLC.
  • Farmacia S. Andrea in Via A. Pizzocaro 65 Vicenza Tel. 0444511962. Propone uno spazio dove allattare e a cambiare il bambino e sostiene le mamme che desiderano allattare il loro bambino con degli incontri con l’ostetrica in uno spazio dedicato alla mamma oppure a domicilio. 
  • La Farmacia Pozzi in via Scalabrini 100 Bassano del Grappa Tel: 0424.503649 E-mail: info@farmaciapozzi.it. Con la sua adesione al progetto “Farmacia Amica dell’Allattamento Materno” si impegna a tutelare e sostenere la madre che allatta ed è un Baby Pit Stop de La Leche League Italia; in Farmacia le mamme trovano personale preparato sll’allattamento al seno, una poltrona per allattare, un fasciatoio per cambiare i piccoli mentre per i fratelli più grandicelli, una comoda scrivania con fogli, libri e colori. E’ disponibile inoltre una biblioteca sui temi dell’attamento a disposizione delle mamme. 
  • Farmacia Bezzan  Via B. Dal Maso 6, Chiampo Tel 0444.623077 – farmaciabezzan@virgilio.it tutti i farmacisti della Farmacia Bezzan sono formati per accogliere, supportare e sostenere, con la divulgazione di consigli utili per questa delicata fase della vita, sia la mamma che il suo bambino. La farmacia organizza mensilmente incontri per future e neo-mamme con una consulente professionale in allattamento materno IBCLC. All’interno della farmacia esiste uno spazio dedicato dove le mamme possono allattare, cambiare e pesare gratuitamente il loro bambino.
  • Farmacia Bartolotta Viale Regina Margherita 67, Valdagno. Tel 0445 402786 –  La mamma che allatta potrà trovare uno spazio dove è accolta, dove trova ascolto, dove può confrontarsi sulle problematiche che incontra nell’allattare il suo bambino. In questo spazio riservato, la mamma è libera di allattare e cambiare il suo bambino. Anche se è solo di passaggio!
  • Farmacia Alma via Monte Cimone 41, Spagnago, Tel: 0445 431746

CONSULENTI IBCLC

  • Bruna Scopel, consulente Professionale in Allattamento Materno IBCLC / Educatrice Perinatale. Tel 320-1834612

  • Cotelli Mariella, consulente Professionale in Allattamento Materno / Ostetrica. Tel 331-2060206. 
  • Daniela Nicolin, consulente Professionale in Allattamento Materno IBCLC / Doula

  • Paola Bortolazzo, infermiera professionale con 3 anni di esperienza alla sezione Nido dell’ospedale san Bortolo di Vicenza e consulente professionale in allattamento IBCLC. Accompagna e aiuta durante le prime settimane di vita del bambino e sostiene nel prolungamento dell’allattamento. Effettua consulenze a domicilio in libera professione Tel 393.0099381.

SPORTELLI E ASSOCIAZIONI

  • Associazione Essere mamme a Vicenza con sede al primo piano di Piscine di Vicenza, Viale Ferrarin 71, Vicenza. Potrete partecipare alle varie attività ed eventi (da calendario) e confrontarvi tra mamme. Referente per l’allattamento la consulente alla pari Canal Silvia E-mail: esseremammeavicenza@gmail.com
  • Presso il Centro Sport Palladio in via Cav.Vittorio Veneto a Vicenza, si trova lo sportello gratuito per l’allattamento dove le ostetriche saranno diponibili ad aiutare le mamme che allattano. Per informazioni o per contattare un’ostetrica Tel 0444-963466
  • Associazione Coccola di Mamma collabora con la pediatria dell’ospedale di Santorso ed è supportata da Bruna Scopel e dal dott Rigon, entrambi consulenti IBCLC. L’associazione si trova a Santorso di fronte alla vecchia Biblioteca Comunale, vicino al Municipio e a Piazza Aldo Moro. coccoladimamma@gmail.com
  • Presso lo Spazio Mamme di “Casa Emanuela” in via Raguia 27 ad Almisano, sono proposti incontri gratuiti per tutte le mamme che vogliono trovare del tempo per se stesse ed i loro bambini. A disposizione la consulente IBCLC Michela Lorenzoni. Tel: 333.8413350 – Email: michelalorenzoni@allattamentoibclc.it
  • L’ostetrica Elisa Guiotto segue le mamme in allattamento una volta tornate a casa dopo il parto. Tel. 340-1502255  E-mail: elisaguiotto@gmail.com Studio a Montecchio Maggiore presso MedicaGroup via da vinci 41 Montecchio e Vicenza.
  • Associazione Solaris (Stradella Soccorso Soccorsetto, 17 Vi) Mette a disposizione Consulenze professionali per l’allattamento al seno su appuntamento con Daniela Nicolin Consulente professionaIe Ibclc info al 338-2503026.
  • Etimoè, studio di counseling professionale, si occupa di sostegno alla maternità con proposte individuali e di gruppo, prima e dopo il parto. Propone tra le attività incontri di gruppo per neomamme e bambini dove dove c’è tanto spazio per il confronto, la condivisione e si affrontano temi specifici (sonno, allattamento, bisogni del bambino, come gestire le relazioni con i parenti, come cambia la coppia…), consulenze dedicate all’allattamento (anche a domicilio), percorsi individuali di sostegno a mamme in difficoltà, corsi di massaggio neonatale e molto altro. Val Venosta 15 a Zanè (vicino alla chiesa del centro). Elisa Rasotto (counselor ed educatrice prenatale e neonatale)Tel. 340 2319219, E-mail: elisa.rasotto@etimoe.it
  • LECHE LEAGUE da 65 anni queste mamme volontarie si rivolgono alle mamme che allattano rispondendo ai dubbi e risolvendo i problemi legati all’allattamento. Le consulenti sono presenti in tutta Italia e si possono contattare gratuitamente. Per un aggiornamento sulle consulenti disponibili in tempo reale accedere QUI.

Importante da sapere:

Che cos’è il “CODICE INTERNAZIONALE SULLA COMMERCIALIZZAZIONE DEI SOSTITUTI DEL LATTE MATERNO OMS/UNICEF”SEGNALA ALLA ASL CHI TI CONSIGLIA UNA MARCA DI LATTE ARTIFICIALE! 

FARMACI IN GRAVIDANZA E ALLATTAMENTO

Se volete aggiungere/modificare i dati di questa pagina o segnalare professionisti, associazioni e persone che si occupano di sostegno all’allattamento scrivete a esseremammeavicenza@gmail.com

Il Filo Magico – la lettura in famiglia

Il Filo Magico – La lettura in famiglia

Perché leggere ad alta voce?

La lettura ad alta voce, il leggere a un bambino o a più bambini, è come un filo magico. Un filo che unisce chi legge e chi ascolta. Crea legami perché la lettura non è mai un monologo. E’ un incontro.

Leggere ai bambini fin da piccoli anche piccolissimi è un’occasione unica, un atto sociale che ogni genitore dovrebbe conoscere ed apprezzare. Tali affermazioni sono supportate da diversi studi e ricerche che nel corso degli anni hanno dimostrato come i primi anni di vita siano fondamentali per lo sviluppo neurologico ed emotivo del bambino.

Ascoltare un racconto, alcune frasi, vedere e scrutare i particolari delle illustrazioni è un’attività piacevole, che diverte e coinvolge tutti i membri presenti. Il tempo sembra essere sospeso, la storia detta il proprio ritmo attraverso la narrazione e il filo magico inizia ad intrecciarsi e a far capolino tra le pagine, nella voce, negli abbracci e nei gesti.

Leggere trasmette emozioni. Ha il potere di connetterci con gli altri. Immaginate una mamma e un papà con i propri bimbi cosa possono fare. Presenza ed immaginazione creano un mondo meraviglioso in cui rilassarsi, ritagliarsi del tempo a stretto contatto e stupirsi di fronte alla creatività e capacità di comprensione che hanno i più piccoli.

Ma perché i primi anni di vita sono i più importanti?

Questa è una domanda che molti genitori si pongono.

“I bambini piccoli (in età prescolare) non sanno leggere e in alcuni casi neppure parlare ancora bene. A cosa serve che io legga loro un libro? Tanto imparano a scuola a leggere e poi lo faranno da soli…”.

Queste sono alcune affermazioni che spesso i genitori antepongono al loro mettersi in gioco. Esattamente…leggere ai propri figli è un mettersi in gioco e vincere la pigrizia. Ed il perché è spiegato molto bene in una pubblicazione “La lettura in famiglia. Una buona pratica per lo sviluppo del bambino”, nata dalla collaborazione tra il Centro per il Libro e la Lettura e il Centro per la salute del bambino Onlus: “I primi anni di vita sono un periodo fondamentale per i processi di sviluppo del cervello […]”, la rete di collegamenti tra i neuroni “ è quella che consente al cervello di funzionare e di apprendere e quindi permette al bambino di raggiungere il suo pieno potenziale di sviluppo […]. Questo processo di costruzione della rete neurale è più veloce e intenso nei primi due, tre anni. Durante questo periodo, il cervello del bambino assorbe le informazioni relative a quello che tocca, vede, sente, ascolta, assapora, odora e questo gli permette di sviluppare sempre più abilità, conoscenze e capacità. I primi due anni di vita sono ad esempio fondamentali per lo sviluppo del linguaggio. Il bambino subito dopo la nascita inizia a riconoscere i suoni, le espressioni dei volti e ad associarli a oggetti e sensazioni. Per fare questo ha bisogno di un ambiente ricco di relazioni affettuose fatte di parole, sguardi e coccole”1.

Gioco e lettura sono tra le attività più efficaci per favorire una buona relazione e un buon sviluppo delle specifiche funzioni mentali del bambino.

La lettura inoltre crea le basi per la predisposizione all’ascolto dell’altro ma anche di se stessi e dilata i tempi dell’attenzione che sono spesso vittima dei ritmi sempre più incalzanti dettati dalla frenesia della nostra società in cui non c’è spazio per rallentare un po’, prendersi i propri momenti e i propri spazi di riflessione personale o con più soggetti.

Sfogliare un libro o un albo illustrato, gustare il piacere tattile della carta, la forma delle lettere, il suono delle parole espresse o immergersi nelle illustrazioni riprodotte sono tutti esercizi, trampolini di lancio verso la formazione del proprio immaginario, del proprio senso estetico e quindi anche del proprio io interiore. La potenza dei libri è infinita.

L’invadenza delle immagini stereotipate e standardizzate che compie la televisione, quasi prefabbricate, non sollecita la capacità immaginaria dei bambini…anzi la rende sempre più povera e monotona.

La televisione non offre un contatto umano-relazionale, così fortemente necessario per lo sviluppo. La voce che si sente alla televisione non è come quella della mamma e del papà o di altre persone di riferimento. Non lo è neppure quella registrata.

La pratica della lettura insieme dona invece un connubio perfetto di tre grandissimi “doni” sopradescritti, di cui i bambini ma anche gli adulti non possono fare a meno, ma che molto spesso vengono sostituiti dai dispositivi tecnologici: VOCE, PRESENZA, IMMAGINAZIONE.

I bambini hanno bisogno di tempo per essere bambini. La Dott.ssa Deborah MacNamara, counsellor clinico ed educatrice, nel suo recente libro “Capire i piccoli”2 scrive in relazione alla qualità del tempo dei bambini queste parole: “L’uso sempre più frequente dei dispositivi elettronici usati per intrattenere i bambini rende questi ultimi dei riceventi passivi, in quanto manca loro sempre più spesso l’occasione di un’esplorazione senza limiti prestabiliti. In breve, il tempo trascorso davanti ad uno schermo dovrebbe essere considerato da una prospettiva evolutiva: i bambini piccoli hanno bisogno di esperienze di vita reale con persone vere, cosa che rende i genitori i migliori dispositivi esistenti”.

Futuri genitori, neo-genitori e genitori “navigati” prendete coraggio e lanciatevi in questa entusiasmante avventura insieme alle vostre creature.

Quindi esiste una ricetta in grado di suscitare nei bambini l’amore per i libri?

Con questa rubrica tenteremo di fare chiarezza nel vasto mondo della letteratura per l’infanzia, attraverso le riflessioni degli esperti del settore e piccoli consigli.

Sono sicura che le parole di Bruno Tognolini, uno dei più importanti autori italiani di libri per bambini e ragazzi, del suo libro “Leggimi Forte”, vi potranno trasmettere la giusta carica e dose di intraprendenza: “Gli umani, appena nati, paiono esseri fragili e precari, in bilico sul ciglio della vita come sul crinale di una collina. Forse lo sono davvero, o forse è la nostra ansia di genitori che li vede così. Fatto sta che, a quel punto, noi prendiamo d’istinto a chiamarli, con voci e sorrisi, perché da quel crinale si lascino scivolare verso di noi, da questa parte e non da quella. La voce umana ha un potere grande e segreto, che assordati da molti apparecchi rischiamo di dimenticare. Prima del senso c’è il suono, prima delle parole c’è la voce. Quella voce ha potere sulle cose: le chiama all’umanità, le rende umane. Parliamo agli animali, che non conoscono parole, parliamo a una lapide, a una pianta, a uno specchio; a una persona in coma perché ricordi la vita umana, e vi ritorni. E a un neonato perché si fidi e vi entri. La voce echeggia come un canto di balena, in quell’oceano sconfinato e incomprensibile che è una nuova vita, per dire tre sole sconfinate verità: io sono qui, tu sei qui, il mondo è qui. I mesi e gli anni passeranno, quella voce prenderà forma di parole, perline di senso infilate in collane via via più fiorite e complesse: mangia, dormi, ridi, cresci, come stai? Ma sotto quella superficie variopinta, in certe ore del giorno, in certe condizioni di luce, di emozione, di sonno, noi siamo ancora in grado di sentirlo, quel suono senza senso, quella voce senza parole, che non “vuole dire” niente, ma genera umanità. La cosa fondamentale che questo libro dice a un genitore è dunque questa: parla a tuo figlio. Hai un potere di umana magia nella gola, unico eppure comune: perché ne sei avaro? Parla con lui, con lei. Non negargli ciò che sai fare, che gli serve. E se non sai cosa dire, ci sono sorgenti di parole giuste, che son fatte per questo: leggi un libro”3.

Non mi resta che augurarvi buon inizio e buon cammino insieme alla vostra famiglia.

Vi aspetto nel prossimo post con ulteriori approfondimenti e considerazioni.


1 La lettura in Famiglia. Una buona pratica per lo sviluppo del bambino, Sistema Modus, Pag. 9.

2 Deborah McNamara, Capire i piccoli, Il leone Verde, Torino, 2018, pag. 82.

3 Rita Valentino Merletti, Bruno Tognolini, Leggimi Forte. Accompagnare i bambini nel grande universo della lettura, Milano, Salani Editore, 2006, pag. 6.


Sul comodino

In questa sezione troverete alcuni consigli di lettura. Nello specifico oggi vi segnalo testi per i genitori per approfondire le varie tematiche sopradescritti in relazione alla lettura condivisa in famiglia. Sono solo alcuni dei moltissimi testi pubblicati sull’argomento all’interno dei quali avrete modo di dar sfogo alle vostre domande e curiosità.

  • Rita Valentino Merletti, Luigi Paladin, Nati sotto il segno dei libri: il bambino lettore nei primi mille giorni di vita, Campi Bisenzio (FI), Idest Editore, 2015.

  • Rita Valentino Merletti, Luigi Paladin, Libro fammi grande, Campi Bisenzio (FI), Idest Editore, 2012.

  • Giorgia Cozza, Me lo leggi? Racconti, fiabe e filastrocche per un dialogo d’amore con il nostro bambino, Torino, Il Leone Verde, 2012.

Mariairene Didoni – Autrice –

Mamma di Matilde e appassionata di libri e d’arte.

Sono laureata in Storia dell’Arte e conservazione dei beni artistici e sin da piccola il mondo dei libri e dell’illustrazione mi ha sempre affascinato. Mi dedico alla pittura ad acquerello e all’organizzazione di letture condivise per bambini come volontaria presso la Biblioteca del quartiere di Anconetta, succursale della sede centrale di Vicenza della Biblioteca Civica Bertoliana.

Ho seguito diversi seminari e corsi di formazione nell’ambito della promozione della lettura per tutte le età a partire dalla primissima infanzia ma anche dalle letture al pancione durante la gravidanza.

Sono diventata “Lettore Custode” grazie alla formazione ideata e realizzata da Alessia Napoletano presso la sua Libreria per l’Infanzia “Radice-Labirinto” di Carpi (MO). La metodologia del “Lettore custode” è in via di definizione e sperimentazione e si prefigge lo scopo di infondere l’amore per le storie e la lettura.

Diventare mamma mi ha dato la possibilità di riscoprire e riassaporare le mie diverse passioni e mi ha portato a “rileggere” nel vero senso della parola una lunga lista di libri, ripartendo dagli albi illustrati e dai grandi classici della letteratura per l’infanzia e per i ragazzi, oltre ad altri libri non convenzionali.

La mia mente ha sempre fame di parole e di immagini che facciano vibrare le corde del cuore e dell’anima.

Con la rubrica “Un mondo di cose da leggere” vorrei accompagnarvi e aiutarvi a far visita al vostro “io” bambino/bambina e a condividere con tutta la vostra famiglia le potenzialità che la lettura e i libri possono offrire.

“Vorrei che tutti leggessero. Non per diventare letterati o poeti, ma perché nessuno sia più schiavo”. (Gianni Rodari)

Un mondo di cose da leggere

Un mondo di cose da leggere… più vicino di quanto immagini…

La rubrica di promozione alla lettura nella prima infanzia e per tutti i bambini da 0 a 100 anni.

Mariairene Didoni – Autrice –

Mamma di Matilde e appassionata di libri e d’arte.

Sono laureata in Storia dell’Arte e conservazione dei beni artistici e sin da piccola il mondo dei libri e dell’illustrazione mi ha sempre affascinato. Mi dedico alla pittura ad acquerello e all’organizzazione di letture condivise per bambini come volontaria presso la Biblioteca del quartiere di Anconetta, succursale della sede centrale di Vicenza della Biblioteca Civica Bertoliana.

Ho seguito diversi seminari e corsi di formazione nell’ambito della promozione della lettura per tutte le età a partire dalla primissima infanzia ma anche dalle letture al pancione durante la gravidanza.

Sono diventata “Lettore Custode” grazie alla formazione ideata e realizzata da Alessia Napoletano presso la sua Libreria per l’Infanzia “Radice-Labirinto” di Carpi (MO). La metodologia del “Lettore custode” è in via di definizione e sperimentazione e si prefigge lo scopo di infondere l’amore per le storie e la lettura.

Diventare mamma mi ha dato la possibilità di riscoprire e riassaporare le mie diverse passioni e mi ha portato a “rileggere” nel vero senso della parola una lunga lista di libri, ripartendo dagli albi illustrati e dai grandi classici della letteratura per l’infanzia e per i ragazzi, oltre ad altri libri non convenzionali.

La mia mente ha sempre fame di parole e di immagini che facciano vibrare le corde del cuore e dell’anima.

Con la rubrica “Un mondo di cose da leggere” vorrei accompagnarvi e aiutarvi a far visita al vostro “io” bambino/bambina e a condividere con tutta la vostra famiglia le potenzialità che la lettura e i libri possono offrire.

“Vorrei che tutti leggessero. Non per diventare letterati o poeti, ma perché nessuno sia più schiavo”. (Gianni Rodari)

Arte e bambini. Sfumature d’arte nella didattica di Aprile!

Cos’è l’arte? Eterna domanda, che non ha ancora generato una risposta univoca e soddisfacente! Studiosi e filosofi hanno proposto centinaia di definizioni, ma qual’è quella corretta?

A questo proposito, ricordo un dibattito avvenuto con un amico anni fà. Voleva convincermi che la tecnica è un qualcosa di indispensabile per generare l’arte e che, dunque, un bravo artista deve possedere indiscutibilmente un’ottima tecnica. Bene, e poi? Ci ho riflettuto a lungo.

E’ davvero così? Gli artisti che sono passati alla storia, sono persone che eccellevano innanzitutto nella tecnica? Non ne sono sicura…. pensate a Van Gogh, di cui sta terminando la mostra proprio in questo periodo in Basilica Palladiana (a proposito, se non l’avete ancora vista, affrettatevi: “Van Gogh. Tra il grano e il cielo” fino all’8 Aprile!!! Per me ne vale davvero la pena!). Lui è diventato artista solo dopo i ventanni e dopo aver intrapreso una normale attività da impiegato. Il destino lo vuole all’interno di una casa d’arte parigina ed è così che inizia il suo interesse per le stampe, i disegni e in generale, il rapporto tra interiorità e espressione artistica. Non era un esperto di tecnica. Lo è diventato col tempo e a modo suo. Ma poco importa. Tutto il mondo lo conosce e lo ricorda. Non per il COME realizzava i suoi lavori, ma per quello che TRASMETTONO ancora oggi.

L’arte, quindi, forse, non è altro che un’esigenza del nostro intimo di parlare, dire, urlare o bisbigliare quello che ci germoglia dentro e che difficilmente riuscirebbe ad emergere in una normale conversazione. L’arte è la capacità di toccare più cuori e anime, di descrivere noi coinvolgendo tanti. E il come, è tutto una scoperta!!! Ognuno sceglie ciò che ritiene più adatto al proprio essere. Nessun limite!

E la didattica museale per le famiglie che ci riserva la nostra bellissima città per il mese di Aprile, fa emergere proprio questo concetto.

Non c’è un modo catalogato e definito per creare arte. E non c’è un risultato preciso cui arrivare. Si tratta semplicemente di mezzi e strumenti inusuali che possono dare contributi inaspettati. E infatti, le proposte sono moltissime ed estremamente variegate: slegate da un tema preciso, affrontano spazi artistici differenti (musica, parole, stoffe, palstica, colori, animali, giochi, viaggi esotici) e con l’uso di materiali paricolari approdano ad esplorare sfumature insolite.

Ecco dunque le offerte in ordine di data:
1 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – PASQUA ALLE GALLERIE: L’ALBERO DEL MONDO ore 11.00 e ore 16.00:
Racconto animato 40 min.
Il mistero di un albero tutto da scoprire, una presenza simbolica al centro di un’antica icona, la cui generosa chioma abbraccia tempi e luoghi diversi, dal perduto giardino dell’Eden alla Gerusalemme celeste, città protesa verso l‘infinito. Ingresso gratuito e attività a pagamento. Età consigliata 4-12 anni.

2 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – CHE LETTERA SEI? Ore 16.00:
Laboratorio espressivo 120 min.
Nel mondo dell’artista contemporaneo Grisha Bruskin. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività a pagamento per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

8 Aprile 2018

PIAZZA DELLE ERBE – HULA HOOP ore 15.30-18.30:
Laboratorio creativo organizzato dal Palladio Museum con Non ho l’età – Mercato Antiquariato Collezionismo & Vintage
Per la storica rivista VOGUE architettura e moda hanno qualcosa in comune, «intercettano il cambiamento delle città e lo mostrano: l’una lo fa “abitando corpi”, l’altra vestendo i luoghi». In questo laboratorio bambini e bambine realizzeranno il più chiacchierato – e secondo noi il più architettonico – accessorio delle collezioni primavera/estate di qualche anno fa. Saranno in grado di superare l’originale? Per bambini dai 6 agli 12 anni, accompagnati da un adulto.
Max 20 bambini per ognuno dei due turni. Fasce orarie: 15.30 – 16.30 e 17.00 – 18.00
Ingresso libero, gradita la prenotazione a info@antiquariatovicenza.it o cell 3496410654

14 Aprile 2018

PALLADIO MUSEUM – GUARDA IN SU, GUARDA IN GIÙ, DAI IL COLORE CHE VUOI TU ore 16.00:
Laboratorio espressivo 90 min.
Entrare nel salone di Montano Barbarano e alzare la testa: si raccontano le imprese del generale romano Scipione e la sua vittoria sull’esercito cartaginese di Annibale. I riquadri sulle pareti narrano invece gli atti di coraggio e generosità di 12 imperatori romani. Non si tratta di affreschi ma di dipinti su tela incassati, i primi nei cassettoni del soffitto, gli altri dentro a cornici di stucco. Come si racconta un’avventura su stoffa? Attività gratuita e aperta a un massimo di 20 partecipanti dai 5 ai 12 anni. Prenotazione obbligatoria. I genitori dei bambini che hanno la tessera Palladio Museum Kids hanno diritto al biglietto d’ingresso ridotto al museo e alle mostre (6,00 €) e a uno sconto del 15% sull’acquisto degli articoli per bambini disponibili al bookshop.

MUSEO DI PALAZZO CHIERICATI – INTRECCI D’ARTE, I SUONI NASCOSTI ore 15.00
Laboratorio di arte e creatività organizzato dall’associazione Ardea 120 min:
Viaggio sonoro al Museo di Palazzo Chiericati. I bambini sono accompagnati a guardare i dipinti del Museo attraverso una percezione sinestetica, ad entrare nell’opera e a diventare attivi in essa con tutti i cinque sensi. Esplorando insieme sonorità diverse e attraverso il passaggio continuo tra memoria e sensazione, percezione ed estrazione, i bambini scopriranno i suoni nascosti nei dipinti con tanti materiali stimolanti per la creatività. Costruiranno degli intona-rumori per far risuonare forme e colori in un concerto collettivo, a creare un racconto sonoro del quadro. Costo di 10 euro a bambino (max 8 partecipanti). Età consigliata 5-8 anni.

15 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – IL LIBRO D’ARTE: PAGINE INCANTATE ore 16.00:
Laboratorio espressivo 120 min.
Un’opera d’arte incontrata a Palazzo diventa punto di partenza per una nuova storia, ancora tutta da inventare. Dalla lettura creativa di un dipinto alla creazione di un breve racconto, in grado di ispirare una speciale pagina illustrata. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività a pagamento per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

MUSEO DIOCESANO – AFRICA AFRICA ore 16.00
Attività e laboratorio 120 min

17 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – ATTENTI AL LUPO ore 16.30:
Laboratorio espressivo 45 min.
Nella settimana del Baroccracking: inventare storie buffe o di paura ispirate al mondo degli animali. Creare figure colorate usando materiali atossici e naturali per modellazione. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività gratuita per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

18 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – UN SURICATO PER AMICO ore 16.30:
Laboratorio espressivo 45 min.
Nella settimana del Baroccracking: Si racconta che il suricato sia un vero nimale sociale, attento alle relazioni e i grado di rendersi utile alla propria comunità. Proviamo ad imparare qualcosa da lui, aprendoci ad un fantasioso gioco cooperativo che porta alla creazione di una simpatica schiera di animaletti colorati, liberamente ispirati alle incredibili storie di Palazzo Leoni Montanari. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività gratuita per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

19 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – ATTENTI AL LUPO ore 16.30:
Laboratorio espressivo 45 min.
Nella settimana del Baroccracking: inventare storie buffe o di paura ispirate al mondo degli animali. Creare figure colorate usando materiali atossici e naturali per modellazione. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività gratuita per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

20 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – ATTENTI AL LUPO ore 16.30:
Laboratorio espressivo 45 min.
Nella settimana del Baroccracking: inventare storie buffe o di paura ispirate al mondo degli animali. Creare figure colorate usando materiali atossici e naturali per modellazione. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività gratuita per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

21 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – UN SURICATO PER AMICO ore 16.30:
Laboratorio espressivo 45 min.
Nella settimana del Baroccracking: Si racconta che il suricato sia un vero nimale sociale, attento alle relazioni e i grado di rendersi utile alla propria comunità. Proviamo ad imparare qualcosa da lui, aprendoci ad un fantasioso gioco cooperativo che porta alla creazione di una simpatica schiera di animaletti colorati, liberamente ispirati alle incredibili storie di Palazzo Leoni Montanari. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività gratuita per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

22 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – SPECIAL DAY: IL PIANETA DEGLI ANIMALI ore 10.00-17.00:
Il cortile si trasforma in un tappeto magico popolato da animali di ogni specie, veri e immaginari. Una giornata in cui dare sfogo alla propria immaginazione creando con pennelli e gessetti un variopinto bestiario, lavorando all’aperto con tutta la famiglia. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività gratuita per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

22 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTNARI – LA MAGICA MELA ore 16.00:
Laboratorio espressivo 120 min.
Tantissimo tempo fà, in un luogo dove il sole ama tuffarsi nel mare, nacque una bimba davvero speciale, vestita di raggi dorati…. Ascoltare con orecchie, occhi e altri sensi una storia fantastica, ispirata ai preziosi vasi greci. Attività creativa: realizzare un curioso libretto illustrato. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività a pagamento per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

29 Aprile 2018

PALAZZO LEONI MONTANARI – APELLE FIGLIO DI APOLLO ore 16.00:
Laboratorio espressivo 120 min.
Capire il linguaggio segreto degli antichi vasi greci e decorare un nuovo oggetto in ceramica traendo spunto da storie e miti presenti nella preziosa collezione delle Gallerie. Attività creativa: realizzare un disegno su ceramica. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività a pagamento per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

CONTATTI

Evento associazione Ardea:
Info e prenotazioni Dott.ssa Anna Fressola cell 349 1476542 o Dott.ssa Valentina Pigozzo cell. 338 1872680 o pinacoteca@associazione-ardea.it

Palazzo Leoni Montanari:
Per partecipare ai racconti animati, alla caccia al dettaglio e ai laboratori è consigliata la prenotazione al numero di telefono 800 578875. Per info e contatti: Email info@palazzomontanari.com – sito www.gallerieditalia.com

Palladio Museum:
Per info e contatti: telefono 0444 323014 – Email didattica@palladiomuseum.org – sito www.palladiomuseum.org

Museo Diocesano:
Per info e contatti: telefono 0444 226400 – Email museo@vicenzachiesacattolica.it – sito www.museodiocesanovicenza.it

Manovre di disostruzione delle vie aeree

Manovre di disostruzione

Manovre di disostruzione delle vie aeree nel lattante, nel bambino e nell’adulto

Partecipazione a numero chiuso, iscrizione obbligatoria QUI

Mercoledì 23 maggio ore 20.00 presso il Palazzetto del Nuoto di Vicenza in Viale Ferrarin 71, EmaVi propone un incontro gratuito in collaborazione con Outsphera For Life sulle manovre di disostruzione delle vie aeree nel lattante e nel bambino.

Si tratta di un’attività, della durata un paio d’ore, divisa in una prima parte teorica (con slides e contenuti multimediali) ed in una seconda parte pratica, dove tutti (una volta suddivisi in gruppi di numero limitato, definiti “isole”) potranno esercitarsi con l’ausilio di appositi manichini.

Al termine dell’incontro ad ogni partecipante verrà regalato un poster con le manovre da eseguire in caso di bisogno ed un attestato di partecipazione.

I bambìni sono i benvenuti. Non è previsto il servizio baby sitting. 

ALTRE DATE: seguiteci per il calendario della nuova stagione settembre 2018 – maggio 2019

PASTIERA NAPOLETANA

Visto che siamo in periodo di Pasqua oggi vi propongo una famosa ricetta classica, la Pastiera Napoletana!

pastiera napoletana

RICETTA:

DIFFICOLTA’: media

Ingredienti per la pasta frolla:
  • 500 g di farina
  • 250 g di burro
  • 170 g di zucchero velo
  • 1 uovo intero + 1 albume
  • buccia di limone grattugiato
ingredienti x il ripieno:
  • 600 g di ricotta di capra
  • 400 g di grano cotto
  • 300-350 g di zucchero semolato
  • 100 g di frutta candita
  • 100 g di latte
  • 30 g di burro
  • 4 uova intere + 2 tuorli
  • Vaniglia fior di arancio una fialetta
  • Un pizzico di cannella (facoltativo)

Procedimento:

Inizialmente preparate la pasta frolla lavorare tutti gli ingredienti in una planetaria per  poi ricavare un panetto e lo lasciamo riposare in frigo per almeno 1 ora.

Mettere in un pentolino il grano cotto, il latte, il burro e la buccia di limone. Fare arrivare a bollore, spegnere il fuoco e lasciare intiepidire.

Aggiungere la ricotta setacciata e amalgamata con le uova e zucchero, infine i canditi e gli aromi.

Con la pasta frolla foderare una teglia rotonda di 20-22 cm di diametro e versare il ripieno fino a 1cm e mezzo dal bordo. Decorare con strisce di frolla.

Cuocere la pastiera in forno statico a 180°c per circa 60 -70 minuti.

Gustare il giorno dopo … deve riposare almeno 15 ore!

BUON APPETITO!


Zeudi Rota Conti Autricecura la rubrica “Le ricette di Zeudorela” insieme a Sidorela Shaqiri

Ciao sono Zeudi, mamma di Noemi, originaria di un paesino di Bergamo dove cultura e tradizione si tramandano da generazioni. Appassionata di cucina: passione tramandata da mio papa’, il mio maestro. Per me la cucina e’ passione, un momento di svago, cucinare e’ un modo per “dare”.

Mi trovate anche sulla pagina Facebook “L’amore x la cucina di Zeudi” oppure sul mio blog zeudiamoreincucina.blogspot.com


Sidorela Shaqiri Autrice cura la rubrica “Le ricette di Zeudorela” insieme a Zeudi Rota Conti

Ciao a tutte io sono Sidorela, originaria dell’Albania, operaia e mamma di Redis ed Eglis.
Sono appassionata di fotografia, libri e cucina. Cucino da sempre, venuta in Italia ho rivoluzionato tutta la mia alimentazione e imparato a cucinare e mangiare in modo sano ed equilibrato il più possibile…. il mio moto è cucinare senza limite e mangiare con cautela, metto la salute sopra ogni cosa.
Spero di riuscire a trasmettere positività e allegria oltre che piatti e ricette sfioziosi!

CONIGLIETTI PASQUALI

Pasqua sta arrivando e oggi proponiamo una dolce ricetta buona e divertente per realizzare, insieme ai bambini, dei simpatici coniglietti pasquali da preparare per colazione, per merenda o da regalare agli amichetti!

RICETTA

DIFFICOLTA’: media

INGREDIENTI:
  • 500 gr di Farina Petra n. 1 oppure una farina tipo 0
  • 100 gr di Zucchero
  • 100 gr di Burro morbido
  • 130 ml di acqua
  • 10 gr di Lievito di Birra
  • 5 gr di sale (2 pizzichi)
  • 2 uova+1 tuorlo
  • Arancia grattuggiata q.b.
  • Cannela q.b.

PROCEDIMENTO:

Fare un impasto con tutti gli ingredienti, ma usando solo metà acqua. Quando gli ingredienti si saranno amalgamati bene, versare un pò alla volta il resto dell’acqua…non esagerate, altrimenti rischierete di trovarvi con una massa non lavorabile.
Lavorare l’impasto a lungo finche sarà liscio e ben incordato.. se risulterà troppo appiccicoso aggiungete un pò di farina.
Mettere a riposare l’impasto coperto per circa 2/3 ore girandolo sotto-sopra un paio di volte a distanza di 10 minuti, prenderà forza e consistenza..

Trascorso il tempo di riposo, formare i conigli:

Corpo: formare un rotolino (come per gli gnocchi) arrotolato a chiocciola. Coda: formare una pallina.  Testa: formare un ovale leggermente appuntito ai lati.

Su un lato poggeremo un uvetta o una goccia di cioccolato per fare l’occhio, dall’altro lato apriremo in due con un coltello o una forbice per formare le orecchie.

Unire le tre parti con un goccio di acqua o latte.

Far lievitare per un’altra ora, spennellare di latte e infornare a 180 gradi per circa 10 minuti. Servire tagliati a metà per lo spessore e farciti con marmellata di arance o nutella.

Buon Appetito!


Sidorela Shaqiri Autrice cura la rubrica “Le ricette di Zeudorela” insieme a Zeudi Rota Conti

Ciao a tutte io sono Sidorela, originaria dell’Albania, operaia e mamma di Redis ed Eglis.
Sono appassionata di fotografia, libri e cucina. Cucino da sempre, venuta in Italia ho rivoluzionato tutta la mia alimentazione e imparato a cucinare e mangiare in modo sano ed equilibrato il più possibile…. il mio moto è cucinare senza limite e mangiare con cautela, metto la salute sopra ogni cosa.
Spero di riuscire a trasmettere positività e allegria oltre che piatti e ricette sfioziosi!

Zeudi Rota Conti Autricecura la rubrica “Le ricette di Zeudorela” insieme a Sidorela Shaqiri

Ciao sono Zeudi, mamma di Noemi, originaria di un paesino di Bergamo dove cultura e tradizione si tramandano da generazioni. Appassionata di cucina: passione tramandata da mio papa’, il mio maestro. Per me la cucina e’ passione, un momento di svago, cucinare e’ un modo per “dare”.

Mi trovate anche sulla pagina Facebook “L’amore x la cucina di Zeudi” oppure sul mio blog zeudiamoreincucina.blogspot.com


Zeppole di San Giuseppe al forno

Oggi prepariamo insieme una ricetta da leccarsi i baffi: Le Zeppole di San Giuseppe!

Zeppole di San Giuseppe

Ok, per la festa del papà di quest’anno ormai siamo in ritardo ma le Zeppole sono buone tutto l’anno!

E perchè non inventarsi una festa per il papà che non rispetti il calendario? Oppure, se siete ligie al rispetto delle festività classiche, non tenete questa ricetta nel cassetto per sfoderarla il prossimo anno?

RICETTA

DIFFICOLTA’: media

Ingredienti per le zeppole :
  • 4 uova intere
  • 50 gr di burro
  • 250 ml di acqua
  • 150 gr di farina
  • Un pizzico di sale
Ingredienti per la crema pasticcera:
  • 500 ml di latte
  • 4 tuorli
  • 120 gr di zucchero
  • 40 gr amido di mais
  • Aroma di vaniglia e limone
Ingredienti per decorare:

Amarene sciroppate e zucchero a velo q.b.

Procedimento:

Portare a bollore l’aqua assieme con il burro , poi unire la farina in un’unica volta.

Mescolare rapidamente per circa 10 minuti o fino a quando non si sarà formata una pallina bianca e omogenea.

Trasferite l’impasto in una ciotola e lasciare raffreddare. Trasferitelo poi nella planetaria munita di frusta e lavoratelo assieme alle uova aggiunte poco per volta.

Il composto deve risultare liscio e denso. Riponete la pasta choux in un sac-a poche dotato di bocchetta stellata.

In una teglia vestita di carta forno formate le zeppole facendo 2 giri uno sopra l’atro. Cuocere in forno già caldo ventilato con 200° per 25 minuti. Lasciate raffreddare completamente.

Adesso preparate la crema pasticcera: portate a bollore il latte e nel frattempo dividete i tuorli dagli albumi,  lavorate i tuorli con lo zucchero e poi unite l’amido,  il composto con il latte e mescolate senza fermarvi fino a che la crema non risulterà lucida e densa.

Raffreddate completamente la crema e poi con un sac-a poche dotato di bocchetta stellata decorate le zeppole con la crema pasticcera , la ciliegia e una spolveratina di zucchero a velo

Buon Appetito!!!


Zeudi Rota Conti Autricecura la rubrica “Le ricette di Zeudorela” insieme a Sidorela Shaqiri

Ciao sono Zeudi, mamma di Noemi, originaria di un paesino di Bergamo dove cultura e tradizione si tramandano da generazioni. Appassionata di cucina: passione tramandata da mio papa’, il mio maestro. Per me la cucina e’ passione, un momento di svago, cucinare e’ un modo per “dare”.

Mi trovate anche sulla pagina Facebook “L’amore x la cucina di Zeudi” oppure sul mio blog zeudiamoreincucina.blogspot.com


Sidorela Shaqiri Autrice cura la rubrica “Le ricette di Zeudorela” insieme a Zeudi Rota Conti

Ciao a tutte io sono Sidorela, originaria dell’Albania, operaia e mamma di Redis ed Eglis.
Sono appassionata di fotografia, libri e cucina. Cucino da sempre, venuta in Italia ho rivoluzionato tutta la mia alimentazione e imparato a cucinare e mangiare in modo sano ed equilibrato il più possibile…. il mio moto è cucinare senza limite e mangiare con cautela, metto la salute sopra ogni cosa.
Spero di riuscire a trasmettere positività e allegria oltre che piatti e ricette sfioziosi!

BASTONCINI SIMIL FINDUS

Oggi realizzeremo una ricetta semplice e veloce adatta ai bimbi ma anche per le mamme in attesa (e non solo!): I bastoncini di pesce simil Findus.

bastoncini simil findus

I bastoncini di pesce sono molto apprezzati. Farli in casa e’ semplicissimo e sicuramente risultano piu’salutari.

Il ripieno e’ fatto con del merluzzo fresco (mi raccomando se lo comprate in pescheria chiedete il cuore di merluzzo che non ha le spine, oppure potete comprare i trancetti surgelati)

bastoncini simil findus

Il merluzzo ha carni bianche particolarmente digeribili molto apprezzate che si prestano a svariate preparazioni in cucina. Pesce povero di grassi, quelli presenti sono gli acidi grassi polinsaturi Omega 3, che riducono il colesterolo cattivo e aumentano quello buono. Il merluzzo è ricco di proteine e di vitamine del gruppo B. Molto importante è il suo contenuto di minerali, infatti è ricco di fosforo, iodio, ferro e calcio.

Potete benissimo utilizzare anche del salmone fresco in filetto.

Il salmone ha molte proprietà benefiche, sia che venga consumato fresco, sia affumicato. Cucinare il salmone significa assicurarsi delle ottime proprietà nutrizionali, con un apporto di calorie che non si rivela affatto dannoso, nemmeno quando si segue un regime alimentare ipocalorico. Questo pesce è ricco di omega 3, che possono essere considerati dei veri e propri alleati per la nostra salute: riescono infatti ad abbassare il livello del colesterolo, incidono positivamente sul rallentamento dell’invecchiamento, prevengono i tumori e aiutano a combattere l’osteoporosi.

bastoncini simil findus

Mangiare pesce è molto importante, chi lo consuma ha un rischio molto più basso di contrarre malattie cardiache e infarto rispetto alle persone che non consumano pesce. In particolare, il merluzzo è un ottimo alleato della nostra salute essendo una buona fonte di anticoagulanti omega-3, così come una fonte eccellente di vitamina B12 e una buona fonte di vitamina B6, entrambe necessarie per mantenere bassi i livelli di omocisteina

RICETTA

DIFICOLTÀ: abbastantanza facile – CALORIE PER 100 GRAMMI: 161,00 KCal

Ingredienti:
  • 500 g di merluzzo (o salmone)
  • 2 cucchiai di farina
  • 1 cucchiaino di sale
  • 2 uova
  • pangrattato q.b
 Preparazione:
Inserire nel mixer la farina, il pesce e il sale;
Togliere il composto e formare i bastoncini con le mani bagnate ogni volta che gli si da la forma;
Passare i bastoncini nell’uovo e nel pangattato;
Mettere i bastoncini nella teglia con dell’olio e cuocere in forno per 15/20 min a 190 gradi fino a doratura oppure potete friggerli in olio ben caldo.
Io ne ho fatti alcuni con merluzzo e alcuni con salmone. Potete sbizzarrirvi con i vostri bimbi a dare la forma che volete

Potete anche preparane un bel po’ e congelarli da crudi

BUON APPETITO!!!


Zeudi Rota Conti Autricecura la rubrica “Le ricette di Zeudorela” insieme a Sidorela Shaqiri

Ciao sono Zeudi, mamma di Noemi, originaria di un paesino di Bergamo dove cultura e tradizione si tramandano da generazioni. Appassionata di cucina: passione tramandata da mio papa’, il mio maestro. Per me la cucina e’ passione, un momento di svago, cucinare e’ un modo per “dare”.

Mi trovate anche sulla pagina Facebook “L’amore x la cucina di Zeudi” oppure sul mio blog zeudiamoreincucina.blogspot.com


Sidorela Shaqiri Autrice cura la rubrica “Le ricette di Zeudorela” insieme a Zeudi Rota Conti

Ciao a tutte io sono Sidorela, originaria dell’Albania, operaia e mamma di Redis ed Eglis.
Sono appassionata di fotografia, libri e cucina. Cucino da sempre, venuta in Italia ho rivoluzionato tutta la mia alimentazione e imparato a cucinare e mangiare in modo sano ed equilibrato il più possibile…. il mio moto è cucinare senza limite e mangiare con cautela, metto la salute sopra ogni cosa.
Spero di riuscire a trasmettere positività e allegria oltre che piatti e ricette sfioziosi!

 

Arte e bambini. La didattica di Marzo

Eccomi, dopo alcuni mesi di pausa, tornata a occuparmi della didattica museale a Vicenza! La mia assenza non è stata causata dalla pigrizia o dalla mancanza di zelo verso questo mio impegno, ma, come voi tutte, sono una mamma e sono una mamma che dopo il periodo di maternità è dovuta rientrare al lavoro! Ahimè, il tentare di riuscire a conciliare impegni lavorativi, famiglia e aspirazioni è davvero arduo. E riprendere i ritmi con tre bimbi piccoli e in inverno, con tutti i malanni non è per niente facile!!!!

Perdonatemi, quindi, per questo silenzio!

Ma…. rieccomi piena di entusiasmo e di idee per raccontarvi quanti strumenti preziosi ci sono attorno a noi per introdurre l’arte ai bambini!

E quale mese migliore se non MARZO per ricominciare!

Nell’antico calendario romano, infatti, era questo il primo mese dell’anno, perchè vi riprendevano i lavori nei campi e si tornava a dedicarsi alle attività rimaste ferme dopo la pausa obbligata dovuta al gelo dell’inverno. In Marzo anticamente, si riattivavano anche le imprese belliche e l’arte della guerra. Marzo da Marte, il dio romano della guerra appunto.

Ma Marzo, il mese dal tempo capriccioso e pazzerello (ricordate il leprotto Marzolino che accompagna il Cappellaio Matto?), oggi per noi più che altro è il mese del bentornato alla Primavera, della festa delle donne e di quella del papà. Senza contare che quest’anno la fine di Marzo introduce alla Pasqua e alle relative giornate di festa! Davvero tante ricorrenze racchiuse in un periodo relativamente breve!

Ecco dunque cosa ci riserva la panoramica cittadina per l’arte in famiglia:

• Didattica gestita dall’associazione Ardea:

vengono proposti diversi percorsi per i più importanti siti cittadini (la chiesa di Santa Corona, la pinacoteca di Palazzo Chiericati, il Teatro Olimpico, il Museo del Risorgimento e della Resistenza e la Villa Rotonda) che possono essere richiesti dal Lunedì al Sabato nei pomeriggi e la Domenica sia al mattino che al pomeriggio. Ogni itinerario ha una durata di circa 90 minuti ed è previsto per un minimo di 10 partecipanti. E’ richiesta la prenotazione.

Info e prenotazioni cell 346 5933662 o pinacoteca@associazione-ardea.it

Didattica a Palazzo Leoni Montanari – Gallerie d’Italia. Appuntamenti:

4 Marzo 2018 APELLE FIGLIO DI APOLLO ore 16.00
Laboratorio espressivo 120 min:
Capire il linguaggio segreto degli antichi vasi greci, per decorare in seguito un nuovo oggetto in ceramica, traendo spunto da storie e miti presenti nella preziosa collezione delle Gallerie, in occasione della nuova mostra dedicata alla Seduzione nell’Antica Grecia. Ingresso gratuito e attività a pagamento. Età consigliata 4-12 anni.

18 Marzo 2018 CON PAPA‘ AL MUSEO ore 11.00 e ore 16.00
Racconto animato 40 min:
In occasione della festa del papà, ecco una giornata speciale per scoprire alcune avventure di un papà d’eccezione, il mitico Giove, re degli dei, e conoscere da vicino le imprese eroiche di suo figlio Ercolino. Ingresso a pagamento per gli adulti (ridotto per i papà) e attività a pagamento per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

25 Marzo 2018 L’UOVO DEL MONDO ore 16.00
Laboratorio espressivo 90 min:
Come nascono gli dei? Da neonati stanno in culla o crescono subito a dismisura? Quali sono i loro giochi preferiti? Una caccia al dettaglio per scoprire alcuni miti presenti sugli affreschi del palazzo e su alcuni vasi, partendo dal racconto dell’infanzia dei loro illustri protagonisti. Segue un’attività creativa che prevede la realizzazione di un’immagine pop-up. Ingresso a pagamento per gli adulti e attività a pagamento per i bambini. Età consigliata 4-12 anni.

Per partecipare ai racconti animati, alla caccia al dettaglio e ai laboratori è consigliata la prenotazione al numero di telefono 800 578875. Per info e contatti: Email info@palazzomontanari.com – sito www.gallerieditalia.com

Didattica al Palladio Museum. Appuntamenti:

24 Marzo 2018 L’UOVO INCANTATO ore 16.00
Laboratorio creativo 90 min:
La Pasqua si avvicina e anche il Palladio Museum si prepara al tradizionale dono delle uova. Come? Con un laboratorio che mette insieme architettura e decorazione, opere di Palladio e del pittore Anselmo Canera ma anche — e soprattutto! — di tutti i bambini. Dopo una caccia all’uovo fra gli affreschi originali del palazzo, ogni bambino costruirà il proprio uovo, lo dipingerà e lo userà per abbellire il cortile del museo. Alla fine potrà regalarlo a una persona cara. Attività gratuita e aperta a un massimo di 20 partecipanti dai 5 ai 12 anni. Prenotazione obbligatoria, entro le 14:00 di venerdì 23 marzo. I genitori dei bambini che hanno la tessera Palladio Museum Kids hanno diritto al biglietto d’ingresso ridotto al museo e alle mostre (6,00 €) e a uno sconto del 15% sull’acquisto degli articoli per bambini disponibili al bookshop.

Per info e contatti: telefono 0444 323014 – Email didattica@palladiomuseum.org – sito www.palladiomuseum.org

• Didattica al Museo Diocesano. Appuntamenti:

18 Marzo 2018 CACCIA ALL’UOVO ore 16.00
Attività e laboratorio 120 min
In occasione della vicina Pasqua viene organizzata una cacccia davvero speciale tra le opere del Museo Diocesano. Il pomeriggio proseguirà con un laboratorio di cucina creativa condotto da Elena Zanotto de “Il Mondo di Bu”. L’attività è gratuita grazie al contributo di Fondazione Giuseppe Roi; è necessaria la prenotazione al numero 0444/226400.

Per info e contatti: telefono 0444 226400 – Email museo@vicenzachiesacattolica.it – sito www.museodiocesanovicenza.it

  • Didattica al Museo Naturalistico Archeologico. Appuntamenti:

4 Marzo 2018 ALLA SCOPERTA DEI BERICI TRA NATURA E ARCHEOLOGIA ore 15.00
Attività e laboratorio 90 min.
Lo Studio D archeologia didattica museologia e la cooperativa sociale Scatola Cultura propongono un’attività didattica gratuita per famiglie che prevede un percorso guidato per adulti e un minilaboratorio per bambini dai 6 agli 11 anni attraverso le sale del museo.

Per informazioni e iscrizioni : 3479941448, info@studiodarcheologia.it.

 

• Didattica a Villa Valmarana ai Nani:

Sono disponibili per le famiglie, su prenotazione, i percorsi didattici pensati per le scuole.

Per info e contatti: telefono e fax 0444 321803 – Email info@villavalmarana.com – sito www.villavalmarana.com

“L’inchiostro verde crea giardini, selve, prati,
fogliami dove cantano le lettere,
parole che son alberi.”
(Octavio Paz)

Bambini a regola d’arte

A cura di Elena Piazza

bambini a regola d'arte

Bambini a regola d’arte, la rubrica per condividere l’arte in famiglia.


bambini a regola d'arteElena PiazzaAutrice

Mamma di Cesare, Agostino e Letizia

Adoro tutto ciò che è arte, musica e letteratura. E sin da piccolina ho iniziato a esplorare questi mondi, che piano piano sono diventati i miei strumenti necessari per esprimermi. Dai tre anni il disegno è diventata la mia passione. Ho continuato scegliendo di studiare arte e laureandomi in Archeologia. Ho fondato e gestito un’associazione culturale e ho trovato lavoro in un museo, dove svolgo diverse mansioni tra cui anche quella di operatrice didattica e guida. E’ un lavoro impegnativo che però mi permette di stare a contatto con persone di tutte le età, di tenermi allenata con lo studio, di approfondire continuamente diversi aspetti del mondo dell’arte e di tenermi aggiornata su tutto ciò che accade in città! Figlia e sorella di musicisti ho masticato note e pentagrammi da quando sono nata. In particolare prediligo il canto che ho sempre esercitato facendo parte di vari cori e sperimentando generi diversi.

Diventata mamma (tris da pochissimo!!!) non ho rinunciato alle mie passioni e inclinazioni e cerco sempre di trovare un modo per conciliarle con la famiglia. Ed eccomi qui a provare a raccontare il mio mondo!


Per maggiori informazioni esseremammeavicenza@gmail.com